18 marzo 2002

Sicurezza Alimentare
Futuro prossimo
Il Salone dei Mestieri
Citta' in progetto

Il Comitato promotore
Dal mese di novembre 2001 si è insediato presso Torino Internazionale il Comitato promotore per la candidatura di Torino a sede dell'Agenzia nazionale sulla sicurezza alimentare. Il Comitato promotore ha ottenuto il sostegno di un ampio numero di personalità del mondo politico e tecnico-scientifico. la composizione del Comitato è tuttora aperta a nuove adesioni.


  • L'elenco dei componenti e degli aderenti al Comitato promotore

  • Visita il sito del Comitato Promotore



    Il progetto di Agenzia nazionale


    Perché Per far fronte agli allarmi che si sono ripetuti negli ultimi anni sul fronte dell'alimentazione, l'Unione Europea, dal gennaio del 2000, prevede l'istituzione di una Agenzia per la sicurezza alimentare oggi provvisoriamente collocata a Bruxelles. Oltre alla sede europea, ogni stato dell'Unione deve dar vita ad una propria "filiale". Si tratta di una scelta in primo luogo di coordinamento delle competenze delle varie istituzioni oggi preposte alla sicurezza alimentare, per affrontare con celerilà e competenza le situazioni di 'crisi', evitando informazioni distorte e prevenendo comportamenti di panico da parte dei consumatori. Lo scopo dell'Autorità Europea e di quelle nazionali consiste: - nell'analisi del rischio alimentare - nel rendere disponibili ai consumatori pareri scientifici validi ed aggiornati in modo tempestivo - nella legislazione e controllo, per il recepimento delle normative necessarie in sede nazionale - nel formulare raccomandazioni.


    Dove Grazie all'esperienza maturata in questi anni nei temi della sicurezza alimentare con l'attività di prevenzione e controllo della Sanità Pubblica Regionale, supportata da una valida rete di laboratori pubblici imperniata sull'asse Istituto Zoopro filattico - ARPA, centri di referenza per l'intero paese ed accreditati a livello europeo, Torino si candida a sede dell'Agenzia Nazionale. A Torino ed in Piemonte si sono attivati programmi di vigilanza e di monitoraggio avanzati ed innovativi, che sono divenuti riferimento anche per le altre Regioni. Tra gli esempi più significativi, le azioni contro l'impiego degli anabolizzanti nei bovini da carne, la lotta alle malattie infettive nel bestiame, l'attività di controllo sulla presenza di residui di fitofarmaci nell'ortofrutta, la vigilanza sulla produzione dei mangimi, gli interventi per il miglioramento della qualità sanitaria del latte alimentare e dei prodotti caseari, le analisi per l'individuazione di OGM negli alimenti. Al raggiungimento di questi obiettivi hanno concorso le strutture di ricerca e didattica delle Facoltà di Agraria e Medicina Veterinaria, nonché laboratori come quello della Camera di Commercio di Torino.


    Come La proposta di Torino come sede dell'Agenzia ha il pregio di essere economicamente leggera: si vogliono utilizzare e valorizzare le esperienze e le strutture operanti in Piemonte, già oggi riferimenti nazionali. Senza duplicazione di investimenti, si vuole costruire una rete di rapporti e collaborazioni con realtà significative di altre regioni italiane, operando in direzione di un federalismo delle qualità e delle differenze. Il progetto per promuovere Torino come sede dell'Agenzia per la sicurezza alimentare non è un'operazione per la moltiplicazione di laboratori, centri di indagine e di accertamento di frodi alimentari e progetti di educazione ed informazione del consumatore. Ha invece lo scopo di rendere la città un centro di raccordo e collegamento di una rete composta dalle strutture già esistenti, preposte per legge ai controlli sugli alimenti, all'identificazione di rischi per la salute ed alla informazione per gli operatori del comparto alimentare e per i cittadini.



    Rassegna stampa
    Breve selezione di alcuni articoli apparsi sulla stampa relativi alla candidatura di Torino.


  • A Torino l'Authority italiana del cibo. Proposta di Ogm free
    Domenica 21 ottobre 2001 - Renato Rizzo - La Stampa, TORINO E PROVINCIA

  • Diaferia:
    Giovedì 1 novembre 2001- Il Corriere di Rivoli

  • L'Authority dell'alimentazione. L'ultimo sogno; La Torino rubata; Sostegno a
    Sabato 10 novembre 2001 Arturo Buzzolan La Repubblica, TORINO CRONACA; Novembre 2001 Massimo Gramellini La Stampa, Buongiorno; Domenica 16 dicembre 2001 Il Giornale del Piemonte, BREVI

  • La Mole sul Financial Times. E' nato il Comitato per la candidatura a sede dell'Authority Alimentare
    Sabato 10 novembre 2001 Emmanuela Minucci La Stampa, TORINO E PROVINCIA

  • A Torino l'Agenzia per la sicurezza degli alimenti; Cibi biologici:
    Domenica 28 ottobre 2001 La Stampa WEB ;Ottobre 2001 La Repubblica.it

  • La CNA e il comitato Ogm free promuovono Torino sede dell'agenzia nazionale per la Sicurezza Alimentare
    Sabato 22 dicembre 2001 La Stampa

  • Parma e Torino due sentinelle nella
    Domenica 27 gennaio 2002 Carlo Petrini La Stampa, AGRICOLTURA

  • L'Agenzia Nazionale per la sicurezza Alimentare nel capoluogo piemontese
    Gennaio-febbraio 2002 Cittàinforma, n° 20


  •  
    SICUREZZA ALIMENTARE


    INAUGURAZIONE SEDE

    Il 18 dicembre è stata inaugurata la sede del Comitato promotore in Via delle Orfane 30 - Torino. La presenza dell'assessore comunale al Commercio e alla Promozione Elda Tessore, dell'assessore provinciale all'Agricoltura Marco Bellion e di un rappresentante della Regione ha confermato la determinazione di Torino a candidarsi con forza a sede nazionale dell'Agenzia per la sicurezza alimentare. La sede è aperta in orari d'ufficio e la segreteria del Comitato promotore è a disposizione per dare informazioni a tutti gli interessati.


    Il logo del Comitato promotore



    1 febbraio 2002 - SERATA ENOGASTRONOMICA

    In collaborazione con Torino Sette, supplemento settimanale di "La Stampa", con il contributo del Comune di Torino, della Provincia di Torino e della Regione Piemonte, grazie al decisivo sostegno delle associazioni di categoria e dei produttori (CNA, Coldiretti, Confesercenti, Enoteca Regionale del Piemonte, AIAB, Camera di Commercio di Torino, Slow Food, VAS) e all'ospitalità dell'Ordine Mauriziano, Torino Internazionale e il Comitato promotore hanno organizzato una grande serata di degustazione e di festa alla quale hanno partecipato più di 400 persone. Bruno Gambarotta ha condotto la serata.


    L'invito alla serata distribuito da Torino Sette - La Stampa


  • Alla Palazzina di Caccia di Stupinigi con Bruno Gambarotta. Idee, progetti, verdure, salumi e vini
    Fiorenzo Panero La Stampa, Torino Sette, MANGIARE & BERE, numero dal 25 al 31 gennaio 2002

  • E' la disfida di Stupinigi
    Fiorenzo Panero La Stampa, Torino Sette, MANGIARE & BERE , numero dal 1 al 7 febbraio 2002


    2 febbraio 2002 TORINO. LA QUALITA' ALIMENTARE INCONTRA LA SICUREZZA

    Il 2 febbraio si è tenuto a Palazzo Lascaris un convegno che ha visto la partecipazione dei principali esponenti delle istituzioni e dei centri di ricerca e controllo del territorio torinese e piemontese che operano nel settore della sicurezza alimentare. E' stato presentato il modello di Agenzia, si è discusso dei vantaggi per la città e delle prossime azioni che si intende realizzare.


    L'invito al convegno Torino. La qualità alimentare incontra la sicurezza


  • A Torino la sede dell'Agenzia per la sicurezza alimentare
    Domenica 3 febbraio 2002 La Stampa, TORINO E PROVINCIA

  • Cibi sicuri. Torino non molla sull'Authority
    Domenica 3 febbraio 2002 Il Giornale del Piemonte, CRONACA

  • Gli enti locali d'accordo sull'Agenzia alimentare
    Domenica 3 febbraio 2002 La Repubblica, TORINO CRONACA


    4 marzo 2002
    VERSO L'AGENZIA PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - UN MODELLO DI RETE PER LA QUALIFICAZIONE DEL SISTEMA TORINO - PIEMONTE

    Palazzo della Provincia di Alssandria - ore 17

    Un convegno per presentare al Ministro per le Politiche Agricole e Forestali Giovanni Alemanno la candidatura non solo di Torino ma dell'intero sistema Piemonte a sede dell'Agenzia per la Sicurezza Alimentare.






  •