contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 8 novembre 2004   english   help   contatti   mailing list
 
 
Temi Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Agenda
Associazione
Piano Strategico
 
  Home | Qualita' urbana | Progetti | Tavoli di lavoro | Parchi periurbani e agricoltura
 
PARCHI PERIURBANI E AGRICOLTURA
Un binomio vincente per il miglioramento degli spazi verdi periurbani dell'area metropolitana torinese
 
 

Coordinatore: Ippolito Ostellino

Un aspetto positivo che le contraddistingue è costituito dalla loro particolare varietà, che si accompagna all’estrema differenziazione ambientale che l’area torinese presenta, in relazione alle diverse componenti ambientali che la compongono (pianure recenti, altopiani alluvionali antiche, collina torinese, colline moreniche, ambiti fluviali….)

I segni del territorio portano una incredibile conservazione dell’antica trama dell’utilizzazione agricola e il recupero di tali elementi può costituire la linea guida per un migliore inserimento degli interventi territoriali previsti dalle amministrazioni e dagli enti attuatori le opere. Gli spazi agricoli sono aree di potenziale fruizione e utilizzazione per il loisir e il tempo libero. In tal senso è necessario pensare a interventi guida che ne riqualifichino i contesti e le attrezzino in modo dolce, al fine di consentirne la fruizione.

Per contro la loro qualità ambientale complessiva non si presenta ad alti valori, pur appartenendo a classi di qualità agronomica di buon valore. Analoga situazione interessa anche i territori compresi all’interno delle aree sensibili o nei parchi, che soffrono le stesse problematiche di degrado e abbandono delle aree esterne ai perimetri dei territori protetti. Inoltre lo stato di permanenza delle imprese agricole è in continuo degrado, come anche e soprattutto il patrimonio architettonico.

Possibili linee di lavoro per il superamento delle criticità individuate, e il rafforzamento delle potenzialità presenti, si possono immaginare indirizzate secondo le seguenti finalità:

  • mappare l’area e definire la conoscenza delle aree agricole;
  • sviluppare azioni di attenzione nell’ambito degli strumenti urbanistici sulle loro caratteristiche e valori;
  • promuovere programmi di sostegno delle attività agricole presenti o sopravvissute;
  • rendere estesa l’applicazione del D.Lgs. agricoltura multifunzionale e in particolare modalità di contratto con l’impresa agricola;
  • diffondere iniziative di educazione e comunicazione sul valore dell’agricoltura (progetto fattorie didattiche, e mercati dei prodotti e dei servizi);
  • estendere interventi di miglioramento fondiario ed ecologico;
  • programmare attività di ridestinazione integrata delle aree agricole a territori a valenza fruitiva.

Lo sviluppo dell’attività deve impostarsi su una serie di azioni concertate che hanno, nella proposta di codice di autoregolamentazione (allegato al presente documento), una idea di lavoro che viene presentata come schema di lavoro oggi realizzato per il Po torinese.

 

  ¤ Incontri  
  ¤ Materiali  
  ¤ Interventi  
 © Torino Internazionale 2004-2006. Tutti i diritti sono riservati.