contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 8 novembre 2004   english   help   contatti   mailing list
 
 
Temi Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Agenda
Associazione
Piano Strategico
 
  Home | Qualita' urbana | Progetti | Tavoli di lavoro | Infrastrutture, urbanistica e paesaggio periurbano
 
INFRASTRUTTURE, URBANISTICA E PAESAGGIO PERIURBANO
Impatti delle grandi infrastrutture e dei processi di diffusione urbana, minimizzazione e misure compensative
 
 

Coordinatore: Paolo Foietta

La città come ambiente costruito è dilagata nel paesaggio agricolo e naturale lacerandolo ed erodendolo, mentre gli spazi verdi inglobati nelle diramazioni del costruito hanno ormai l’aspetto di relitti. Il destino di questi relitti, nella logica della città costruita, è di essere riempiti e chiusi, senza un disegno strategico che consideri questi spazi come una risorsa strategica, per ridisegnare nell’area metropolitana un sistema di città più equilibrato.

A fronte di questa situazione, la Provincia di Torino ha compiuto precise scelte tecnico-politiche assunte nel Piano Territoriale di Coordinamento (PTC) e nel Piano Strategico delle spazi verdi dell’area metropolitana torinese (Redatto dall’Osservatorio delle Città Sostenibili, marzo 2004) per affermare un nuovo valore e nuovi strumenti di tutela.

Assegnare a queste aree un nuovo valore ha effetti diretti, nei processi di trasformazione urbanistica che coinvolgono l’area metropolitana: affermare questa logica significa progettare nuovi insediamenti e infrastrutture con criteri che tutelino l’integrità delle unità di paesaggio perturbano, evitando (o limitando) frammentazioni della corona periurbana, compattando l’urbanizzazione e la diramazione infrastrutturale sui perimetri dei centri abitati.

Si tratta di progettare una rifunzionalizzazione di queste aree, prospettando nuovi utilizzi e trasformazioni. Tale rifunzionalizzazione deve rispondere alle esigenze di cambiamento, ridurre le perdite, massimizzare il valore ambientale, prevedere, quando utili, misure compensative. La destinazione primaria di queste aree, infatti, rimane la valorizzazione del loro ruolo ambientale, da tutelare operando una riqualificazione naturalistica e paesistica (forestazione, ricostruzione delle connessioni ecologiche), limitando i valori di pressione che esercitano impatti ambientali negativi, attribuendo loro un uso sociale, ricucendo tessuti, collegando parti intercluse, realizzando una nuova accessibilità pedonale, ciclabile, delle strade verdi.

A partire da questa tesi, il Tavolo di Lavoro propone un confronto su alcuni casi specifici e attuali, attraverso cui analizzare processi concorrenti e alternativi di:

  • formazione di progetti di ricomposizione e riqualificazione di aree verdi perturbane;
  • formazione di progetti di infrastrutture lineari (stradali e ferroviarie) e/o di grandi insediamenti commerciali.

Possono essere analizzati i seguenti casi:

Area Nord (Settimo Torinese - Venaria Reale - Collegno)

  • Realizzazione del Parco Tangenziale Verde - PRUSST 2010 Plan - connessione tra il Parco del Po e il Parco della Mandria) e del Parco Provinciale delle Aree Ex Borsetto
  • Realizzazione della Gronda Ferroviaria dell’Alta Capacità di connessione tra la Linea Torino Milano e la Val di Susa - Lione
  • Realizzazione della quarta corsia della Tangenziale Nord di Torino nel tratto Bruere - Falchera
  • Realizzazione di insediamenti Industriali, Terziari e Residenziali nella Zona di Mappano (Borgaro, Settimo) e Falchera (Torino)

Area Ovest (Collegno - Grigliasco - Rivoli)

  • Proposta di realizzazione del Sistema del Grande Verde della Zona Ovest di connessione delle aree della Dora R. con le aree del T. Sangone : (Parco della Dora, Parco della Certosa, Campo Volo a Collegno, Parco Universitario di, Parco del Barrocchio, del Gerbido e del Maggiordomo a Grugliasco)
  • Realizzazione di Corso Marche (stradale e ferroviario), di Viale della Certosa a Collegno e interventi su C.so Allamano e su Tangenziale Ovest (Tratta Bruere - C.so Allamano)

Area Sud (Nichelino - Vinovo)

  • Realizzazione del complesso commerciale/parco a tema di Mondo Juve
  • Realizzazione della Variante del Debouchè, del Borgaretto, e della viabilità connessa al protocollo d’intesa Mondo Juve

L’obiettivo è duplice:

  • condividere il quadro integrato delle progettazioni “settoriali alternative”, ambientale e infrastrutturale, verificando contrasti e incorenze, ricercando possibili compatibilità e soluzioni progettuali;
  • verificare la rispondenza del metodo e del sistema di indicatori elaborati da OCS, per la valutazione ambientale degli interventi di urbanizzazione ed infrastrutturazione sul sistema del verde periurbano, per definire e valutare l’effetto di bilanciamento, di misure di compensazione ambientale.
 

  ¤ Incontri  
  ¤ Materiali  
  ¤ Interventi  
 © Torino Internazionale 2004-2006. Tutti i diritti sono riservati.