contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 14 maggio 2006   english   help   contatti   mailing list
 
 
Piano Strategico 2
Tamtam
Editoria
Agenda
Rassegna Stampa
Piano Strategico 1
Piano Strategico 2
 
Home | Piano Strategico 2 | Direzioni di intervento e obiettivi | Creativita' | Design
 
DESIGN
2.4 - Promuovere il design nella sua dimensione orizzontale e pervasiva
 
 

La futura crescita economica dell’Europa dipende sempre più dalla forza espressa in creatività, innovazione e nuove idee. È necessario individuare vie per massimizzare le potenzialità di queste capacità, al fine di mantenere la competitività e migliorare il posizionamento internazionale specie di città che, come Torino e il suo territorio, sono impegnate nella transizione verso una nuova identità economica. L’industria del design viene progressivamente colta come una opzione settoriale strategica dalle città europee, per il suo potenziale economico e anche per la sua capacità di permeare e offrire opportunità ad altri settori, dai sistemi formativi, alla cultura, alla forma urbana e così via.

Uno degli aspetti più interessanti è appunto il ruolo che il design ha assunto come ponte fra tecnologia e arte, fra idea e risultato, fra desideri e modi di vita, fra cultura e commercio. Un ponte, da notare, in cui i flussi si muovono nelle due direzioni e quindi una straordinaria opportunità per la cultura. La combinazione di abilità tecniche, efficienza, capacità artistiche e formali, rende il design l’industria creativa per eccellenza. Il design può anche essere un utile tramite verso tutta la cultura del progetto e del lavoro che la città eredita dal suo passato fordista e può mettere a frutto in nuove chiavi.

Sono questi i motivi, locali, nazionali e internazionali, alla base della scelta di far crescere le azioni sul territorio piemontese legate al tema del design; azioni che oggi si sono con successo concretizzate nella collaborazione con ICSID (International Council of Societies of Industrial Design) per l’organizzazione della prima "World Design Capital" a Torino nel 2008.

Tale opportunità deve essere colta anche dalla cultura e dalle istituzioni culturali del territorio torinese. Una riflessione organizzata su “creatività e design” e sulle “basi culturali del design” può diventare un progetto di accompagnamento dell’evento "World Design Capital"; più in generale, il 2008 deve essere colta come una grande opportunità di apprendimento per la cultura metropolitana torinese nel senso di:

  • incrementare i rapporti tra il sistema culturale torinese e le comunità dei designer insediati nella nostra area specie in tema di canali di fertilizzazione incrociata e di formazione dei creativi;
  • porre concettualmente il tema design tra le priorità di ogni progetto culturale caratterizzato da ricadute materiali, organizzative, territoriali;
  • incorporare nella propria agenda di riflessione la frontiera più avanzata del sapere del design internazionale;
  • rivitalizzare le culture produttive di area metropolitana facendole incontrare con le opportunità ed esigenze poste dal design più avanzato.

Un discorso per molti versi analogo può essere fatto in rapporto all’occasione del Congresso mondiale degli architetti (2008): non si tratta soltanto di eventi organizzativi e di immagine, ma opportunità di innesco di sensibilità e riflessioni sulla contemporaneità che la cultura metropolitana torinese deve - nella sua pluralità e pluralismo - coltivare.

 
 © Torino Internazionale 2006