contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 14 maggio 2006   english   help   contatti   mailing list
 
 
Piano Strategico 2
Tamtam
Editoria
Agenda
Rassegna Stampa
Piano Strategico 1
Piano Strategico 2
 
Home | Piano Strategico 2 | Direzioni di intervento e obiettivi | Rigenerazione urbana e casa | Accessibilita' al mercato degli alloggi in locazione
 
ACCESSIBILITA' AL MERCATO DEGLI ALLOGGI IN LOCAZIONE
Obiettivo 9.2 - Aumentare l’offerta e l’accessibilitŕ al mercato degli alloggi in locazione, con particolare attenzione ai bisogni abitativi della popolazione immigrata
 
 

Le politiche abitative di seconda generazione (regolazione del mercato attraverso gli affitti concordati, sostegno alle fasce deboli, fondi di garanzia) hanno mostrato l’importanza di affiancare alle tradizionali politiche distributive, politiche regolative e politiche “attive” per potenziare la lotta al disagio e allo stress abitativo, garantendo, attraverso attività di mediazione tra gli interessi dei diversi soggetti coinvolti (inquilini, ente locale, proprietari di alloggi), la costruzione e il mantenimento di un tessuto di fiducia che dovrebbe ridurre le distanze tra mercato e disponibilità economiche delle fasce più deboli.

Queste politiche, pur avendo un raggio d’azione sociale ancora limitato e malgrado siano sempre minacciate da una disponibilità economica degli enti pubblici soggetta a erosione, sono le sole che paiono in grado di intercettare in maniera soddisfacente quella fascia di disagio abitativo, che, pur consistente, non presenta indici di gravità sufficienti a meritare l’assegnazione di un alloggio di edilizia pubblica. Queste stesse politiche, hanno, altresì una visibilità e un riconoscimento ancora molto bassi. Si tenga anche presente che la liberalizzazione di canoni di locazione e sfratti, operata dalla L.431/98, non è stata compensata dagli effetti dei canoni concordati istituiti dalla stessa legge, i cui vantaggi per gli stessi proprietari non sembrano essere stati ancora interamente percepiti.

Per quanto riguarda il soddisfacimento del problema abitativo degli immigrati questo va richiamato come area di policy specifica per le sue particolari implicazioni sociali.
La risoluzione del problema abitativo è infatti una condizione indispensabile per l’esercizio di altri diritti e per l’integrazione sociale. Occorre considerare il problema dell’abitazione degli immigrati un problema non solo di fronteggiamento dell’emergenza, ma anche di gestione di una domanda diversificata e articolata spesso proveniente da persone stabilmente insediate sul territorio, che sono ancora vittime di discriminazioni e che hanno un accesso al mercato della locazione più difficile rispetto alle famiglie italiane a parità di reddito. Intervenire su questo aspetto significa prevenire processi di ghettizzazione o etnicizzazione dei quartieri, contrastando anche all’estendersi di sentimenti di allarme sociale nei confronti della popolazione immigrata, tenendo anche conto del fatto che l’abitazione è un supporto indispensabile per le politiche di ricongiungimento familiare.

 
 © Torino Internazionale 2006