contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 14 maggio 2006   english   help   contatti   mailing list
 
 
Piano Strategico 1
Tamtam
Editoria
Agenda
Rassegna Stampa
Piano Strategico 1
Piano Strategico 2
 
Home | Piano Strategico 1 | Progetti e lavori | Torino Wireless | Com'e' nato il progetto
 
COM'E' NATO IL PROGETTO
Le prime fasi del progetto
 
 

LA PRIMA FASE
In accordo con le prospettive indicate dalla linea strategica 4, Torino Internazionale ha dato vita ad un tavolo di concertazione, coordinato da Andrea Pininfarina e Rodolfo Zich, che ha inizialmente coinvolto l´Istituto Superiore per le Telecomunicazioni Mario Boella, l´Unione Industriale, ITP - Agenzia per l´attrazione di investimenti a Torino e in Piemonte.
Nel febbraio del 2001 si è tenuto un seminario sui distretti hi-tech, organizzato in collaborazione con McKinsey per chiarire la natura e il significato dei distretti tecnologici, illustrare la situazione in cui si trova attualmente la nostra area metropolitana ed indicare le tappe da seguire per la creazione di un sistema efficiente di servizi e di connessioni, utile alle imprese e capace di attrarre nuovi investimenti.

Per approfondire:

Due workshop con le imprese
Durante questa prima fase si sono tenuti, presso l´Istituto Superiore per le Telecomunicazioni Mario Boella, due workshop con le imprese del settore ICT ed high- tech. Gli incontri avevano l´obiettivo di comprendere, attraverso il punto di vista delle imprese, quali sono le prospettive in questo settore.

Hanno partecipato ai workshop:
Byte; Cap Gemini; Carrozzeria; Bertone; Ernst and Young; Cerved; Consoft; Csc; Espin; Formula; Motorola; Reply; Seat Pagine Gialle; Txt e-Solutions; Vitaminic; TILab; Fatagroup; Elem Sistemi; Elbi International; Brown & Sharpe DEA; Urmet; Fidia; Prima Industrie; Agilent Technologies; Alpitel; Colt Telecom; Loquendo; Lucent Technologies; Altec; Alenia Spazio.

Per approfondire:

SECONDA FASE:
Dopo aver valutato le potenzialità dell´area e la disponibilità del territorio ad avviare un programma impegnativo di sviluppo nel settore delle nuove tecnologie della comunicazione e dell´informazione con focalizzazione sul settore del Wireless, l´11 dicembre 2001 è stato firmato un Patto che ha sancito l´impegno comune a costituire a Torino un distretto tecnologico orientato al Wireless.Il progetto è un´iniziativa pilota a livello nazionale, per dare sviluppo all´area torinese nell´ambito dell´Information and Communication Technologies (ICT) e raggiungere la visibilità internazionale necessaria ad assicurarsi vantaggi competititvi e significative ricadute economiche. Tra gli obiettivi del progetto emerge l´esigenza di dare impulso alla ricerca, allo sviluppo di idee di business, alla finanza innovativa, per far crescere nuove imprese, raddoppiare in 10 anni il numero dei ricercatori, nel solo settore wireless, generare almeno 50 nuove aziende e portare il peso del settore tecnologico nel PIL regionale dal 5 al 10%.

Firmatari del Patto:
il Governo italiano, rappresentato dal Ministro per la Istruzione, l´Università e la Ricerca Letizia Moratti, la Regione Piemonte, la Provincia di Torino, il Comune di Torino, la Camera di Commercio di Torino, l´Unione Industriale, Fiat, Telecom Italia, Alenia, Motorola, STMicroelectronics, l´Università degli Studi di Torino, il Politecnico di Torino, la Compagnia di San Paolo, la Fondazione CRT, San Paolo IMI, Unicredito e l´Istituto Superiore Mario Boella.

Per approfondire:

  • Il Memorandum of Understanding, il documento che è stato firmato per la promozione dello sviluppo di un distretto di ricerca e di imprenditorialità nel campo dell´ICT.
  • Torino Wireless, dal periodico dell´Associazione tamtam 2002/1

Il 25 gennaio 2002 diviene operativo il Comitato Guida di Torino Wireless

FUTURO PROSSIMO
Tre incontri (6 e 20 febbraio, 5 marzo 2002) per capire quali sono le opportunità di crescita del distretto Torino Wireless.

 
 © Torino Internazionale 2006