contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 25 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Patrimonio culturale | Riqualificare e potenziare il sistema museale urbano centrale | gennaio 2003
 
 
GENNAIO 2003
 
 

Palazzo Madama. Al via un´altra fase di restauri

La Giunta, su proposta dell’assessore Fiorenzo Alfieri, nella seduta di stamane ha dato il via libera (del. n. 214/60) al progetto preliminare del restauro delle sale del piano nobile, circostanti il Salone del Senato, di Palazzo Madama.

Come si ricorderà, dopo tredici anni di chiusura per ricerche e restauri, nel 2001 Palazzo Madama ha riaperto, mostrando la veste originaria dell’atrio e dello scalone barocchi, oltre al Salone del Senato al piano nobile dove sono state allestite quattro mostre d’arte antica ( il gotico piemontese, il tesoro di Siena, l’arte antica cinese, le collezioni d’arte extraeuropea).

L’intervento di recupero comprende le 14 stanze barocche chiuse al pubblico dal 1989, tra le quali la sala del Guido Bono, quella delle "Quattro Stagioni" e la sala di "Madama Reale", e concerne gli affreschi, gli stucchi e le parti lignee di queste strutture.

Gli studi preparatori di questi restauri conservativi sono durati un anno e l’inizio dei lavori, a seguito della futura approvazione del progetto esecutivo, è previsto per la prossima estate completandosi nell’arco temporale di 18 mesi.

L’opera, che rappresenta un’altra tappa del recupero di Palazzo Madama, ha un costo di 2.771.000,00 Euro, finanziati con un mutuo della Cassa Depositi e Prestiti, ed è inserito nel Programma Triennale dei Lavori Pubblici della Città.

Entro il 2005 il Museo Civico di Arte Antica, sito all’interno di Palazzo Madama dal 1934 al 1988, sarà riallestito e riaperto definitivamente al pubblico.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 21 gennaio 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.