contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 31 marzo 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
ImprenditorialitÓ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
QualitÓ urbana
Tamtam
Eco dalle cittÓ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Formazione e ricerca | Il Piano | Ricerca e iniziative economiche | Valorizzare un polo sanitario di eccellenza internazionale | gennaio 2003
 
 
GENNAIO 2003
 
 

Individuata a Torino la proteina in grado di contrastare l´insufficienza cardiaca e la cardiomiotopia dilatativa

Una giovane ricercatrice dell´Università di Torino ha individuato la proteina in grado di contrastare l´insufficienza cardiaca e la cardiomiopatia dilatativa, due patologie che costituiscono la prima causa di morte (o che portano al trapianto di cuore) nel mondo occidentale. Per catalogarlo, la biologa Mara Brancaccio ha «battezzato» questo protide col nome di una fata celtica: Melusina. Test sui topi di laboratorio hanno dimostrato che, senza Melusina, l´animale sottoposto a un aumento della pressione va incontro all´infarto e a morte certa. Anche nell´uomo, la Melusina farebbe da valvola salva-vita agli ipertesi. La scoperta, di portata mondiale, è stata pubblicata sulla prestigiosa rivista Nature Medicine, ed è l frutto di una collaborazione tra i ricercatori del dipartimento torinese del professor Lorenzo Silengo alle Molinette e e il professor Guido Tarone, responsabile del Laboratorio dove è stata annunciata la scoperta.

tratto da "La Stampa", cronaca di Torino, sabato 11 gennaio 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.