contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 31 marzo 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Qualita' urbana | Il Piano | Agenda 21 | Proseguire con gli interventi di riqualificazione degli spazi pubblici | febbraio 2003
 
 
FEBBRAIO 2003
 
 

Più luce per monumenti e portici

Più luce e decoro per alcuni dei principali monumenti cittadini e per ampi tratti di portici, oltre che per i Murazzi del Po. Al duplice scopo di valorizzare edifici di grande pregio architettonico e di rendere più fruibili e sicuri alcuni frequentati percorsi pedonali, la Giunta ha approvato un progetto preliminare di nuovi impianti di illuminazione pubblica e monumentale. Il progetto, per un importo di poco superiore a 1 milione e 900mila Euro, è stato presentato questa mattina dagli assessori Roberto Tricarico, Fiorenzo Alfieri ed Elda Tessore.

I siti interessati dagli interventi per il 2003 sono:

  • Palazzo Civico e Palazzo Madama (avancorpo juvarriano)
  • piazza Castello e piazza Statuto (facciate degli edifici)
  • i monumenti al traforo del Frejus (piazza Statuto) e alla spedizione di Crimea (piazza Crimea)
  • le chiese di san Lorenzo, santa Giulia, santissima Trinità, santi Martiri e san Dalmazzo
  • via Garibaldi e via Verdi
  • portici di corso Vinzaglio, piazza XVIII Dicembre, via Cernaia e corso Vittorio Emanuele II ( nel tratto compreso tra c.so G. Ferraris e c.so Vinzaglio)
  • i Murazzi del Po

Per il risparmio energetico e per ridurre il flusso luminoso disperso verso l’alto, i suddetti impianti di illuminazione decorativa verranno spenti in anticipo rispetto all’illuminazione pubblica ordinaria, ovvero a mezzanotte e mezza (00.30). Sarà fatta eccezione per il sabato sera, quando il servizio sarà prolungato sino alle due di domenica mattina.
Per ottimizzare i consumi gli impianti utilizzeranno inoltre lampade ad alta efficienza .La realizzazione e la gestione dei nuovi impianti saranno affidati all’AEM.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 25 febbraio 2003

Riqualificazione di via Accademia Albertina

3 milioni e 854mila Euro saranno impiegati per la riqualificazione di via Accademia Albertina, secondo il progetto redatto di concerto tra Comune e Gruppo Trasporti Torinesi e approvato questa mattina dalla Giunta, su proposta dell’assessora Maria Grazia Sestero. La pedonalizzazione di via Accademia delle Scienze e di piazza Carlo Alberto, insieme alla prevista funzione pedonale di piazza San Carlo (successivamente alla realizzazione del parcheggio interrato) consentirà di creare una continuità pedonale tra piazza Statuto, via Garibaldi, piazza Castello, l’area archeologica (porte Palatine e teatro romano) e l’area museale.

Questa prospettiva rende necessario lo spostamento dell’attuale tracciato della linea tranviaria 18 dalle vie Accademia delle Scienze - Lagrange - Carlo Alberto sulla via Accademia Albertina (in entrambe le direzioni). Via Accademia Albertina sarà quindi riservata al transito del mezzo pubblico (e degli aventi titolo). Il canale centrale sarà destinato al transito dei mezzi pubblici, mentre i marciapiedi saranno ampliati, migliorando la fruibilità pedonale e individuando spazi opportuni per le operazioni di carico e scarico merci.

Il progetto approvato questa mattina prevede quindi, oltre all’allargamento di marciapiedi e banchine di fermata, il posizionamento dei binari al centro della strada, la posa di una curva di raccordo con i binari di via Po per consentire alle vetture tranviarie di svoltare verso piazza Castello. E’ inoltre prevista la posa di una curva di raccordo binari tra via Madama Cristina e corso Vittorio Emanuele, necessaria per raggiungere i corsi Cairoli e poi san Maurizio in caso di non transitabilità di via Accademia Albertina.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 18 febbraio 2003

Parco piazza d´Armi, ok al progetto preliminare

Il progetto preliminare per il riordino ambientale del parco della Piazza d’Armi è stato approvato stamattina dall’esecutivo di Palazzo Civico, su proposta degli assessori Roberto Tricarico e Paolo Peveraro. Il progetto di Arata Isozaki risultato vincitore della gara esperita nel 2002 dall’Agenzia Torino 2006 e riguardante la realizzazione del nuovo impianto sportivo di hockey e la riqualificazione dell’area ex Stadio Comunale in vista dell’evento olimpico del 2006, è articolato in modo da suddividere l’intervento in cinque lotti, uno dei quali (lotto B) riguarda il riordino ambientale - con risorse comunali - di una parte dell’attuale parco di Piazza d’Armi.

Palazzo Civico ha quindi stanziato 10,3 milioni di Euro per interventi che , secondo il progetto approvato stamattina, interesseranno 110mila metri quadrati, comprendenti l’attuale parco, il sedime dei controviali di corso IV Novembre e corso Galileo Ferraris, il sedime di corso Sebastopoli fra i due corsi suddetti fino ai piedi della torre Maratona. Il progetto prevede:

a) la piazza pedonale, 23.500 metri quadrati, che occuperà tutto il sedime di corso Sebastopoli antistante lo Stadio, la torre Maratona e il futuro Palahockey. Per la pavimentazione verranno utilizzati pietre naturali alternate con cemento colorato mediante l’uso di pietra naturale macinata, tenendo conto della percorribilità veicolare della piazza per ragioni di servizio o manutenzione.
b) Il parco monumentale si estenderà su 49.600 mq e sarà caratterizzato da una grande spianata sistemata a verde antistante il Palahockey. Particolarmente significativo un grande canale d’acqua che si svilupperà, in asse con la torre Maratona per 250 metri. La parte rimanente del parco monumentale sarà organizzata in spazi verdi con gli attuali alberi (dove compatibili con il progetto) accompagnati da nuove piantumazioni.
c) Il parco naturale attrezzato misurerà 36.200 mq, in una fascia lungo il corso IV Novembre. Oltre d alberate, ottenute anche ricollocando piante spostate dalla zona attigua monumentale, vi saranno spazi attrezzati per lo svago e per la sosta, aree con giochi per bimbi, campi di bocce, nuovi servizi igienici, un laghetto naturale, una rinnovata area occupata da giostrine.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 18 febbraio 2003

Il parcheggio sotterraneo di piazza San Carlo

Un altro passo in avanti, nella riqualificazione di Piazza San Carlo, si è segnato stamane con l’approvazione (del. n. 644/33), su proposta dell’assessora Maria Grazia Sestero, del progetto preliminare riguardante la realizzazione del parcheggio sotterraneo nel "salotto" della Città. La costruzione del nuovo parcheggio (che rientra nella riqualificazione dell’intera zona) permetterà di ospitare 370 posti auto, di cui 300 destinati alla sosta a rotazione e 70 alla vendita a privati. L’ipotesi progettuale prevede il collegamento di questo parcheggio con l’esistente autorimessa sotterranea di Via Roma mediante un tunnel sotto le due chiese. Si prevede, inoltre, una continuità con i parcheggi sotterranei di via Roma fino a Piazza Castello.

La conduzione del parcheggio sarà affidata alla GTT, che si accollerà gli oneri di gestione in accordo con l’ACI gestore del parcheggio di via Roma, mentre per la realizzazione dell’opera sono previsti costi per 9.938.710,35 Euro. Per la superficie all’aperto della piazza, il progetto prevede la sua intera pedonalizazione. Il progetto è stato esaminato dalla Soprintendenza archeologica del piemonte che non ha escluso la possibilità di ritrovamenti archeologici durante gli scavi del parcheggio. A tal riguardo, è stata affidata al Politecnico di Torino una consulenza sugli assetti dell’area antecedenti la formazione di Piazza San Carlo, ed è stato deciso d’effettuare degli scavi preliminari, assistiti da un archeologo, nella zona interessata dall’intervento. Per questi lavori sono stati stanziati 37.638,86 Euro.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 4 febbraio 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.