contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 31 marzo 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
ImprenditorialitÓ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
QualitÓ urbana
Tamtam
Eco dalle cittÓ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Patrimonio culturale | Promuovere Torino come 'CittÓ del Cinema' | febbraio 2003
 
 
FEBBRAIO 2003
 
 

Progetto "Cineporto": nel 2005 il polo di riferimento della Film Commission

Nasce nei pressi della Dora il Cineporto, centro di servizi per le troupe cinematografiche e punto di appoggio per chi gira un film a Torino e in Piemonte. La sede prescelta è l´ex lanificio Colongo di corso Verona 55, nel quartiere Aurora Rossini, tra il lungodora Firenze e corso Regio Parco. Il progetto di recupero della fabbrica, per una superficie di 9mila metri quadrati, è stato affidato agli architetti Baietto, Battiato e Bianco, già autori della riqualificazione nella stessa area del complesso industriale del Basic Village, vincitori ora di un concorso pubblico. Prima dell´estate partirà l´appalto, che prevede un impegno di spesa di 6 milioni di euro (i fondi arriveranno da Comune e Regione, previsti anche finanziamenti europei). I lavori dovrebbero concludersi entro il 2005.

Il Cineporto, promosso dalla Film Commission prevede laboratori per le scenografie, atelier per i costumi e i trucchi, attrezzature, sale di visione, spazi per uffici destinati ad ospitare i direttori di produzione, ma anche il personale addetto alla concessione di permessi e autorizzazioni. Lì si trasferiranno anche, da Piazza Carignano, gli uffici della stessa Film Commission. Il centro è destinato dunque a divenire polo di riferimento per produttori e registi che sempre più numerosi scelgono Torino per ambientare i loro film.

Il complesso ex Colongo, firmato nel 1908 dall´architetto Giuseppe Momo, è costituito da una palazzina e un ufficio industriale, oggetto poi di successivi ampliamenti. Il piano di recupero prevede la realizzazione di ambienti che rispondano alle esigenze di un moderno centro di servizi, ma anche spazi esterni adibiti a verde, tetti con terrazze a giardino, parcheggi. «Il nostro progetto non terrà conto solamente della caratteristiche di quel complesso architettonico, ma anche delle storie, delle tracce e dei significati del luogo, per poi trasferirli in un intervento che avrà radici nella forma urbana e nel territorio torinese» afferma Armando Baietto.

tratto da "la Repubblica", Piemonte economia, mercoledi 19 febbraio 2003

Film Commission alla Berlinale

Vini e cinema ambasciatori del Piemonte: accade da domani al Festival cinematografico di Berlino, dove la Film Commission torinese rafforza la partnership avviata l´anno scorso confermando la fornitura di rossi, bianchi e spumanti per le occasioni ufficiali della rassegna (le serate di apertura e chiusura, la cena di Italia Cinema, le feste) e, soprattutto, sostenendo con l´Ambasciata d´Italia il progetto del «Talent Campus», che in modo innovativo punta sul cinema del domani investendo sui suoi futuri protagonisti. Si tratta di un evento, unico nel suo genere, che raccoglierà 500 giovani emergenti di vari paesi - registi, sceneggiatori, attori, operatori, produttori - per cinque giorni di incontri, lezioni, discussioni, workshop in cui incrociare esperienze e analizzare le varie fasi della creazione cinematografica. Tra i docenti di questa accademia, accanto a Wim Wenders, anche Alessandro Baricco, la cui lezione - martedì 11 - verterà sulla riduzione cinematografica del suo romanzo Seta».

tratto da "la Repubblica", Giorno e Notte, mercoledi 5 febbraio 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.