contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 25 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Patrimonio culturale | Riqualificare e potenziare il sistema museale urbano centrale | marzo 2003
 
 
MARZO 2003
 
 

Intesa per la valorizzazione della Cavallerizza Reale

Il Sindaco Sergio Chiamparino (accompagnato dall’Assessore al Patrimonio Paolo Peveraro e dall’Assessore alla Cultura Fiorenzo Alfieri) e il Magnifico Rettore dell’Università di Torino Rinaldo Bertolino hanno incontrato il Direttore dell’Agenzia del Demanio, Arch. Elisabetta Spitz, per definire il percorso per la valorizzazione del complesso della Cavallerizza.

E’ stato convenuto che entro due mesi verrà redatto e sottoscritto un protocollo di intesa tra Comune di Torino e Agenzia del Demanio e che entro l’anno 2003 verrà stipulato un accordo di programma fondato sui seguenti punti di intesa:
1. l’Università allestirà la nuova Aula Magna nel maneggio Chiablese (per un totale di mq. 1.200),
2. il Comune ricaverà gli spazi espositivi per l’arte antica nel maneggio di Benedetto Alfieri, nelle rotonde e nelle scuderie secentesche e altri spazi per mostre e per le strutture di servizio (didattica, laboratori, collezione di consultazione) del Museo Civico di Arte Antica nella manica della scuderia ottocentesca (per un totale di mq. 6.500 circa);
3. l’Agenzia del Demanio si occuperà, congiuntamente all’Amministrazione comunale per quanto riguarda gli strumenti urbanistici, della riqualificazione architettonica e della valorizzazione patrimoniale di tutto il resto (circa mq. 50.000)

Gli interventi per l’Università e per il Comune saranno presumibilmente realizzati tra il 2004 e il 2006. Questa operazione consentirà di recuperare alla Città un’area di straordinario fascino e di forte valenza storica e architettonica che congiunge il sistema museale del centro storico con il "cineborgo" che si sviluppa tra la Mole Antonelliana e Palazzo Nuovo.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 4 marzo 2003

Palazzo Madama: approvato il progetto esecutivo per il restauro del piano nobile

Il progetto esecutivo per il restauro delle decorazioni delle sale situate al piano nobile di Palazzo Madama è stato approvato questa mattina dalla Giunta comunale, su proposta dell’assessore Fiorenzo Alfieri. I lavori, che costeranno 2 milioni e 771mila Euro, saranno finanziati con un mutuo della Cassa depositi e prestiti.

Ad essere oggetto degli interventi di restauro conservativo previsti dal progetto saranno alcune fa le parti più significative dello storico edificio di piazza Castello: tra le altre, la sala Madama Reale, il salotto cinese, la sala delle feste, la torre Savoia (uno dei due torrioni di impronta medievale affacciato verso via Po) e la sala Bonzanigo. I restauri riguarderanno stucchi, affreschi, boiseries. L’avvio dei lavori è previsto entro la fine di quest’estate.

Palazzo Madama, che era stato chiuso al pubblico dal 1988 fino alla parziale riapertura del 2001 (avancorpo juvarriano, scalone monumentale, sala del Voltone), sarà interamente restituito alla città in tempo utile per le Olimpiadi invernali del 2006, nella sua rinnovata veste di sede del Museo Civico di Arte Antica.

Comunicato stampa del Comune di Torino, lunedi 10 marzo 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.