contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 29 settembre 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Le Olimpiadi motore di sviluppo e promozione | Costruire nuovi impianti sportivi e adeguare le strutture esistenti | marzo 2003
 
 
MARZO 2003
 
 

Approvata la legge delle Olimpiadi

La legge sulle Olimpiadi è stata approvata dalla commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera, modificando la 285. Essa assicura la copertura finanziaria per gli impianti e le infrastrutture inseriti nel «dossier» dei Giochi e per le opere connesse, stanziando complessivamente 1.400 milioni di euro. Ufficializza inoltre la «cabina di regia» presieduta dalla Regione, che coordina i vari enti coinvolti nell´organizzazione della kermesse a 5 cerchi. Più snelle, infine, le procedure delle gare, con la possibilità di riconoscere ai Comuni il ruolo di stazioni appaltanti. Nell´Agenzia, il direttore Domenico Arcidiacono sarà affiancato da due vicedirettori, Mario Piovano e Giuseppe Amelio e, nel direttivo, ci saranno rappresentanti del Tesoro e delle Infrastrutture.

tratto da "La Stampa", Torino cronaca, giovedi 13 marzo 2003

Palazzo del Ghiaccio di corso Tazzoli, semaforo verde dalla Giunta

La Giunta comunale, nel corso della seduta odierna, ha approvato la presa d’atto del progetto definitivo del nuovo "Palazzo del Ghiaccio - Tazzoli 1". Il nuovo impianto sorgerà sull’area, di proprietà del Comune, compresa tra corso Tazzoli e le vie San Remo ed Eleonora d´Arborea.

Il progetto, approvato dall’Agenzia Torino 2006, ha già ricevuto il benestare del TOROC. La presa d’atto da parte dell’Amministrazione è il passaggio finale dell’iter previsto dalla convenzione che disciplina le competenze dei tre enti.

I lavori per la realizzazione della struttura, uno degli impianti fondamentali per le Olimpiadi invernali del 2006, costeranno circa 7 milioni e 573 mila Euro, al netto di Iva e di altri oneri. La copertura finanziaria è garantita dai fondi statali per le Olimpiadi 2006 previsti dalla Legge n. 285/2000.

"Oltre alla struttura finanziata con i fondi statali, l’Amministrazione comunale ha voluto, ad integrazione, una seconda pista, che darà al complesso la valenza di unico sito del ghiaccio torinese per il dopo olimpiadi" spiega l’assessore allo sport Renato Montabone, specificando che "questo secondo impianto avrà una disponibilità di 500 posti, mentre quello principale potrà ospitarne circa 3.000".

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 11 marzo 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.