contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 25 aprile 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Sistema Internazionale | Il Piano | Accesso a Torino | Aumentare il ruolo internazionale dell'aeroporto di Caselle | aprile 2003
 
 
APRILE 2003
 
 

TOROC - SAGAT: presto un protocollo d´intesa per l´aeroporto olimpico

TOROC e SAGAT congiuntamente provvederanno al più presto a una "vestizione olimpica" dello scalo torinese con messaggi e loghi che comunichino ai passeggeri lo spirito dei Giochi Olimpici.

Durante l´incontro del 17 aprile tra i vertici di Sagat e del Toroc è emersa la necessità di delineare un protocollo d´intesa che definisca nel migliore dei modi le esigenze operative in vista dell´evento. E´ stato inoltre concordato il proseguimento di più tavoli di lavoro nei quali le due aziende opereranno congiuntamente.

"Con SAGAT stiamo lavorando per lo stesso obiettivo - ha detto Castellani - far sì che i Giochi di Torino si svolgano nel miglior modo possibile e l´incontro di oggi, ha confermato l´impegno di entrambi. È volontà del TOROC che Caselle diventi una delle porte di accesso alla città durante le Olimpiadi e venga quindi considerato sito olimpico. Questo comporta anche obblighi precisi nei confronti del CIO, previsti dall´Host City Contract. D´accordo con SAGAT, ne terremo conto nella preparazione di questo protocollo d´intesa".

"Nell´incontro di oggi - ha dichiarato Fabio Battaglia - abbiamo appreso con grande piacere dal TOROC che lo scalo di Torino Caselle verrà proposto come sito olimpio al CIO. Riteniamo che la partnership costituita possa contribuire alla buona immagine della città e dei Giochi Olimpici e permetta alle due aziende di lavorare in piena sintonia in vista dell´appuntamento del 2006".

dal comunicato stampa del Toroc, venerdì 18 aprile 2003

Olimpiadi 2006: 98 milioni di euro per Caselle

98 milioni e 200mila Euro saranno spesi per realizzare un progetto destinato a mettere le strutture dell’aeroporto Sandro Pertini di Caselle in condizioni adeguate per le Olimpiadi invernali del 2006, migliorandone inoltre l’efficienza anche al di là dell’evento sportivo.

Il presidente della SAGAT Mario Carrara lo ha illustrato questa mattina ai componenti di tre commissioni consiliari (I, II e Olimpica) riunite congiuntamente a Palazzo Civico. L’aeroporto rappresenterà la porta d’ingresso per le Olimpiadi invernali. L’intervento più consistente - ha spiegato Carrara - sarà l’ampliamento dell’aerostazione passeggeri, che comporterà la spesa di più di 37 milioni e mezzo di Euro. La hall delle partenze, attualmente di 4.000 metri quadri, sarà portata a 7.300, quella degli arrivi sarà in.crementata del 43% raggiungendo un’estensione di 2mila m2. Questi interventi - ha sottolineato il presidente della SAGAT - sono necessari per poter mantenere i servizi aeroportuali torinesi in linea con il livello B della classificazione internazionale IATA, evitando problemi di saturazione in concomitanza con il picco di traffico del periodo olimpico. La SAGAT prevede infatti che nel 2006, per un periodo di circa tre mesi prima e dopo l’evento olimpico, il Sandro Pertini funzionerà con un ritmo proporzionalmente da 5 milioni di passeggeri all’anno, quasi il doppio dell’attuale.

Altro punto qualificante, la realizzazione del nuovo centro logistico. La struttura, del costo di 31 milioni e 700mila Euro, consentirà in totale sicurezza lo screening automatico di tutti i bagagli e di tutte le merci in transito. Il centro logistico sarà collegato con tunnel trasporto bagagli ai diversi check in.

Sono inoltre previste opere infrastrutturali connesse alla viabilità in prossimità dell’aeroporto. Un parcheggio per autobus da 120 posti, oltre a facilitare l’interscambio tra bus, stazione ferroviaria della Satti e terminal arrivi/partenze, consentirà una maggior fluidità degli spostamenti legati ai voli charter invernali. Gli interventi su viabilità e parcheggi (compresa la sopraelevazione del parcheggio pluripiano esistente) costeranno 21,7 milioni di euro. Con altri 7 milioni e 200mila Euro verrà realizzata la nuova aerostazione per l’aviazione generale (i piccoli aerei), compreso il relativo piazzale aeromobili.

Interpellato in merito al miglioramento degli impianti radar, Carrara ha precisato che questi sono di competenza dell’Ente nazionale di assistenza al volo (ENAV), il quale avrebbe comunque garantito interventi già entro quest’anno. La SAGAT contribuirà con 41,2 milioni alla realizzazione di questo articolato progetto, mentre l’agenzia Torino 2006 concorrerà con quasi 15 milioni e mezzo di Euro. L’Ente nazionale per l’aviazione civile (ENAC) garantirà 17 milioni, 10 li investirà il Comune di Torino e la Provincia concorrerà con circa 4 milioni e mezzo. 7 milioni e 500mila Euro arriveranno inoltre dalla Regione Piemonte, insieme ad 2,5 milioni nell’ambito dell’accordo di programma MOVIcentro (regione/Comune di Caselle Torinese).

"Prevediamo la realizzazione di tutti i lavori compresi nel progetto entro il mese di ottobre del 2005 - ha detto il presidente Carrara - in tempo utile quindi per l’evento olimpico. I nuovi parcheggi autobus dovrebbero essere terminati già nel luglio precedente." Il direttore del settore mobilità e trasporti del TOROC ha poi brevemente relazionato sui contatti in corso con Trenitalia e altre compagnie per la realizzazione di servizi di navetta ferroviaria da e per l’aeroporto di Malpensa e sulla possibilità di avviare sinergie con l’aeroscalo di Levaldigi (CN). L’assessore Maria Grazia Sestero ha ribadito che il Comune vuole valorizzare l’aeroporto torinese al di là delle Olimpiadi, anche favorendo la sinergia ed i collegamenti con Malpensa anche attraverso un’integrazione del progetto ferroviario dell’Alta Capacità.

dal comunicato stampa del Comune di Torino, lunedi 7 aprile 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.