contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 29 settembre 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Rete commerciale | Innovare la rete commerciale | aprile 2003
 
 
APRILE 2003
 
 

Il Comune promuove un tavolo di lavoro per la valorizzazione di botteghe e locali storici

Comune di Torino, Soprintendenza ai Beni architettonici, Soprintendenza ai Beni storici e Dipartimento di progettazione architettonica del Politecnico costituiranno un “tavolo di lavoro” per la valorizzazione delle botteghe e locali storici cittadini.

“Promuovere il mantenimento e il recupero delle botteghe e dei locali storici, con le loro architetture ed i loro arredi commerciali significa riconoscerne il valore di bene culturale - spiega l’assessore Elda Tessore, che ha presentato la deliberazione approvata stamattina dalla Giunta comunale.

“Queste botteghe hanno dato originalità e vivacità alle strade torinesi, non soltanto nella zona aulica - sottolinea l’assessore - concorrendo ancora oggi a caratterizzare l’ambiente urbano ed a costruire l’immagine della città, come nel caso di caffè e confetterie che rappresentano veri e propri salotti pubblici". Ma non si tratta solo di esercizi pubblici: basti pensare alle antiche farmacie del centro storico.

Tra i progetti legati all’istituzione del “tavolo di lavoro” - che coordinerà la propria attività con il gruppo di lavoro costituito per la riqualificazione dei portici cittadini - vi sono una “schedatura” aggiornata dei locali (quella effettuata dalla Regione Piemonte risale ad alcuni anni or sono) e la realizzazione di un “marchio di qualità” caratteristico.

Comune e Soprintendenze collaboreranno, nell’ambito di questa iniziativa, per salvaguardare le caratteristiche di botteghe e locali storici soprattutto in momenti cruciali come i cambi di gestione o le chiusure per ristrutturazione o altri motivi, come già avvenuto nel caso di alcune pregevoli farmacie del centro cittadino (piazza Carignano, via Barbaroux, via delle Orfane) e del Caffè Baratti.

Si costituirà inoltre una vera e propria “anagrafe” degli esercizi commerciali storici presenti sul territorio torinese. Su questo ci sono già stati i primi risultati, anche grazie al fatto che pervengono nuove segnalazioni di “storicità” del proprio esercizio da parte di commercianti ed esercenti.

Comunicato stampa del Comune di Torino, martedi 8 aprile 2003

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.