contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 27 aprile 2004
contatti     mailing list
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Tam Tam | Archivio | Anno 2003 | Numero 3 | Know-how in Torino e provincia
 
 
KNOW-HOW IN TORINO E PROVINCIA
 
 

Da quando la crisi del settore auto nel corso del 2002 ha manifestato anche a Torino i suoi effetti sulle aziende dell´indotto, molti si sono interrogati, ciascuno nel proprio ambito, su quali iniziative assumere, non solo per fronteggiare l´emergenza, ma anche per salvaguardare e accrescere la competitività della filiera auto nell’area torinese.

Nel ambito del gruppo di lavoro di Torino Internazionale, il Gruppo Dirigenti Fiat ha costituito un gruppo di soci volontari, esperti del settore, e ha effettuato una indagine sulle aziende dell’indotto automotive di Torino e Provincia che forniscono servizi di ingegneria nel settore progettazione e sviluppo. I principali scopi della ricerca consistono nel produrre una mappa del know-how esistente nell’area torinese, in termini di risorse umane e di attrezzature hardware e software; tentare di costruire la filiera nella sua articolazione; rilevare i fabbisogni e le opportunità per la crescita del know-how stesso; orientarsi sui mercati di fornitura e la aree di sbocco e identificare le opportunità di sviluppo, anche in materia di competenze commerciali e di marketing.

L’obiettivo generale è quello di fornire a Torino Internazionale un quadro di riferimento per l’individuazione e l’implementazione di progetti mirati di intervento per lo sviluppo strategico del comprensorio. Un team di soci esperti ha selezionato circa 200 aziende del settore automotive che contano in Torino e Provincia, con oltre 10.000 addetti che forniscono servizi di engineering, nelle aree dello sviluppo del prodotto e del processo. Nei servizi considerati rientrano la costruzione dei prototipi, la progettazione del processo e delle attrezzature, mentre non rientra la produzione delle attrezzature. Per i carrozzieri l’indagine è stata limitata alle loro attività di engineering, con esclusione della produzione di serie. Il gruppo di ricerca ha preparato un questionario a carattere tecnico e industriale mirato alla tipologia delle 200 imprese selezionate ed ha identificato un campione significativo di 57 aziende che ha intervistato, provvedendo poi all’elaborazione dei risultati dei questionari.

Il campione esaminato, e la successiva estensione a tutte le aziende censite, dimostra che le aziende del comprensorio, nel loro insieme, sono in grado di effettuare tutte le fasi di attività del Piano di Sviluppo Prodotto Processo dell’autoveicolo, con una copertura di eccellenza in quasi tutte le aree. Le 57 aziende del campione impiegano 5413 persone con un fatturato totale di 636 milioni di euro nell’anno 2002. Le 13 maggiori aziende con oltre 100 dipendenti impiegano circa il 75% del personale e fanno circa 80% del fatturato. Le informazioni raccolte nel corso dell’indagine permettono di affermare con ragionevole sicurezza che tutte le altre aziende hanno meno di 100 dipendenti con una media stimata di 32. I dati configurano perciò una rete di aziende polarizzata su due tipologie.

La prima tipologia è costituita da un numero limitato di aziende medio-grandi con capacità di sviluppare progetti completi (tipicamente una vettura, una carrozzeria, un autotelaio, una cabina per veicolo commerciale); mentre la seconda tipologia forma una base numericamente molto ampia di piccole aziende, ognuna specializzata in parti limitate delle attività del Piano di Sviluppo Prodotto Processo. La struttura dei mercati di sbocco, tra 55% e 60% dell’attività ha come cliente direttamente o indirettamente l’industria nazionale, il resto va alle aziende europee ed americane, con quote crescenti in Asia e in particolare in Cina. La ricerca contribuisce in maniera decisiva a chiarire punti di forza e di debolezza, esigenze e particolarità della rete delle aziende di innovazione, sviluppo e progettazione dell’indotto automotive di Torino e Provincia. I risultati della ricerca, di particolare interesse per il sistema educativo-formativo, sono raccolti in una pubblicazione che è stata presentata all’inizio del mese dicembre e messa a disposizione dei soci di Torino Internazionale, delle aziende e degli operatori interessati.

Domenico Pierucci
Gruppo Dirigenti Fiat

1 dicembre 2003
Centro Congressi Torino Incontra
via Nino Costa 8 - Torino
"PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO AUTOVEICOLISTICO. Un’ indagine sul know-how in Torino e Provincia."
Introduzione Gian Paolo Massa, Paolo Verri.
Presentazione della ricerca Domenico Pierucci
Partecipano alla tavola rotonda Pietro Appendino, Giuseppe Berta, Carlo Callieri, Stefano Iacoponi, Alberto Peyrani

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.