contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 14 maggio 2006   english   help   contatti   mailing list
 
 
Piano Strategico 2
Tamtam
Editoria
Agenda
Rassegna Stampa
Piano Strategico 1
Piano Strategico 2
 
Home | tamtam | Archivio | Anno 2004 | 2004/2 | www
 
WWW
Uno sguardo sul web per i temi affrontati nella rubrica agorŕ
 
 

Il Centre for Automotive Industry Research (CAIR) è uno dei principali centri di ricerca accademici europei dedicati allo studio degli aspetti economici e strategici dell’industria automobilistica. La mission di CAIR, fondato nel 1991 con il sostegno della Business School e della School of Engineering di Cardiff, è aggiungere capitale intellettuale al settore, svolgendo analisi di struttura, sviluppo e rendimento del settore, ad uso dei governi e dell’industria, da cui ha avuto numerosi riconoscimenti. La filosofia di ricerca e le attività del centro sono dettagliatamente presentate sul sito della Cardiff Business School www.cardiff.ac.uk/carbs/research/cair.

Il punto di forza di CAIR è la capacità di guardare al settore automobilistico da diversi punti di vista: dai materiali alternativi ai prezzi di mercato, dall’impatto ambientale alle politiche industriali. CAIR ha sviluppato una particolare competenza su temi come l’impatto economico dell’Industria dei motori, la grande distribuzione e la distribuzione al dettaglio, la sostenibilità e la ricerca sui nuovi materiali, gli investimenti internazionali. La reputazione del centro è sostenuta dalle pubblicazioni -saggi, articoli per riviste specializzate- curate da ricercatori e docenti, che sono un punto di riferimento per compagnie, agenzie governative, manager e per le altre istituzioni accademiche.

Come indica la mission del centro, ricerca, formazione e innovazione sono gli assi strategici da cui non si può prescindere per un positivo e continuo sviluppo del settore. Una filosofia che ha convinto clienti, come Ford, Volvo, Jaguar, Rover, Ernst & Young, il Royal Thai Government, la United Nations Industrial Development Organisation e il Financial Times.

 
 © Torino Internazionale 2006