contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 27 settembre 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
ImprenditorialitÓ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
QualitÓ urbana
Tamtam
Eco dalle cittÓ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Governo metropolitano | Il Piano | Nuove forme di governance | Istituire la Conferenza Metropolitana | marzo 2001
 
 
MARZO 2001
 
 

Il 21 marzo 2001 si è tenuto il terzo incontro della Conferenza Metropolitana. AllÔÇÖordine del giorno i temi della protezione civile e della mobilità. Gli amministratori provinciali, i Sindaci e gli Assessori di Torino e dei centri della cintura hanno discusso del modo in cui gestire le nuove competenza assunte a partire dall´inizio dell´anno in materia di Protezione Civile: dalla predisposizione dei Piani Comunali ai rapporti con i gruppi del volontariato, dall´organizzazione delle operazioni in situazione di emergenza al coordinamento sovracomunale.

L´esperienza delle alluvioni del ´94 e del 2000 suggerisce infatti di porre al centro dell´attenzione l´esigenza del massimo coordinamento. Il confronto tra i Sindaci, la Provincia e la Prefettura e´ appena iniziato e proseguira´ nei prossimi mesi, spaziando dalle modalita´ per la gestione delle emergenze all´importanza della prevenzione, dalla manutenzione del reticolo dei corsi d´acqua "minori" ("bealere" e canali di irrigazione) all´esigenza di realizzare adeguate arginature e aree di esondazione controllata dei fiumi; senza dimenticare la riduzione dei gravi rischi che continuano a correre l´area di San Mauro e quella di Moncalieri-Nichelino.

La Conferenza ha anche affrontato i temi della mobilita´ e del trasporto pubblico, che saranno affidati ad un´apposita Agenzia, le cui competenze e modalita´ operative sono state illustrate dai funzionari della Regione e della Provincia che si occupano del progetto. Si trattera´ di una sorta di "Authority" metropolitana, incaricata di studiare e soddisfare la domanda di trasporto pubblico, affidare la gestione dei servizi attraverso gare di appalto, pianificare l´integrazione fra trasporto pubblico e privato, coordinare tra loro i Piani Urbani del Traffico adottati dai Comuni dell´area. L´Agenzia avrà un´Assemblea Generale, in cui i voti saranno credibilmente ripartiti sulla base delle seguenti proporzioni: 40% alla Regione, 30% al Comune di Torino, 15% alla Provincia, 15% diviso tra i Comuni (aderenti su base volontaria) in relazione al peso della popolazione. L´organo esecutivo sarà un ristretto Consiglio di Amministrazione e verrà nominato un Direttore Generale. Il finanziamento dell´Agenzia deriverà da un pedaggio per l´uso delle strutture e dai finanziamenti pubblici acquisiti.

Da parte di alcuni Sindaci della cintura sono venute sollecitazioni ad integrare maggiormente nel sistema dei servizi pubblici di trasporto le aree della cintura sino a 20 chilometri dal capoluogo, per garantire un alleggerimento del traffico sulla Tangenziale.

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.