contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino 8 novembre 2005   english   help   contatti   mailing list
 
 
Temi Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Editoria
Agenda
Associazione
Piano Strategico 2
 
Home | Cultura, turismo, commercio e sport | Linea strategica 5 | Patrimonio culturale | Riqualificare e potenziare il sistema museale urbano centrale | giugno 2002
 
GIUGNO 2002
 
  “Progetto Cultura. Un anno di lavoro”

Il 4 giugno 2002, alla GAM, è stato presentato il “Progetto Cultura. Un anno di lavoro”.
Il progetto ha tre obiettivi:
1. Sostenere la produzione culturale a Torino
2. Offrire a tutti i cittadini occasioni di qualità
3. Attirare attenzione, stima e visitatori dal mondo

Le linee di lavoro del Progetto Cultura:
Musei Civici: valorizzare, completare e gestire in modo efficiente i musei di proprietà della città
Nuovi Spazi: creare nuove strutture per la cultura
Beni Culturali: contribuire al potenziamento dell’intero sistema dei beni culturali del territorio, compresi quelli ambientali
Sistemi Culturali: rinforzare e dare visibilità esterna agli altri sistemi culturali (arte, cinema, musica, teatro, danza, lettura)
Associazioni: sostenere l’associazionismo culturale e consolidarlo
Comunicazione: informare, comunicare, costruire il turismo culturale

Per ognuna delle linee di lavoro è stato presentato ciò che è stato già realizzato e i progetti attivati a giugno 2002.

Fondazione Torino Musei

In approvazione presso il Consiglio Comunale la creazione della Fondazione Torino Musei, cui collaborano Regione, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT.
La Fondazione gestirà in autonomia: la GAM, il Museo di Arte Antica, il costituendo Museo di Arti Orientali, il Borgo Medioevale, il Museo Pietro Micca.
Avrà un consiglio direttivo, un presidente, un segretario generale, un direttore per ogni museo, un comitato scientifico.

Palazzo Madama

Sono già visitabili l’atrio e lo scalone juvarriano, il voltone con gli scavi archeologici e la video proiezione, il salone del Senato (mostre “Tra gotico e Rinascimento”, “Oro di Siena” e “Cina Antica”).
L’inizio dei lavori di restauro e adeguamento impiantistico della sala del senato è previsto per l’autunno del 2002 e il costo stimato è di 2.582.000 euro.
Il Museo di arte Antica e di Palazzo Madama verrà completamente riallestito, grazie anche al sostegno della Fondazione CRT. La riapertura del Museo è prevista per la seconda metà del 2005 e il costo stimato è di 10.329.000 euro.

Nuovo Museo di Arti Orientali

L’attuale museo di numismatica/etnologia/orientalistica (via Bricherasio 8) è attualmente chiuso.
L’edificio verrà venduto e le collezioni di numismatica ed etnologia saranno collocate al Museo di Arte Antica.
E’ stato approvato il 22 febbraio 2002 il progetto preliminare per la ristrutturazione di Palazzo Mazzonis (via San Domenico 11) come sede del nuovo Museo di Arti Orientali.
Il museo accoglierà le collezioni già in possesso della Città e della Regione, le nuove acquisizioni e, auspicabilmente, la collezione di arte cinese della Fondazione Agnelli.
I fondi stanziati nel bilancio 2002 per la ristrutturazione ammontano a 9.686.000 euro e l’inaugurazione è prevista per la seconda metà del 2005.

Museo diffuso della guerra, deportazione, resistenza

Entro fine anno si concluderanno i lavori di ristrutturazione nel Quartiere Militare juvarriano (via del Carmine 13).
Entro il 25 aprile 2003 l’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e l’archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza vi trasferiranno le loro attività.
L’edificio ospiterà in seguito il centro di Interpretazione del Museo diffuso che metterà in rete i diversi luoghi della memoria e della ricerca.
Il costo della ristrutturazione sarà di 5.200.000 euro.

Collezione Garnier Valletti

Sono stati acquisiti in comodato i beni storico-artistico scientifici di proprietà dell’Istituto Sperimentale per la nutrizione delle Piante. In preparazione il progetto di una mostra permanente presso i locali messi a disposizione dell’Università in via Giuria 15, la cui apertura al pubblico è prevista per l’inizio del 2003.

A…come Ambiente

La mostra R…come rifiuto, attualmente collocata all’ex Zoo, diventerà un’esposizione permanente presso l’area Michelin, palazzina 37, con una nuova denominazione.

Cavallerizza

Impostati nuovi rapporti con l’Agenzia per il Demanio s.p.a per la valorizzazione di tutto il complesso. E’ allo studio la creazione di una società mista Demanio/Comune.
Il piano terra sarà adattato, con il sostegno delle Fondazioni ex-bancarie, a sede per mostre temporanee di arte antica a disposizione di Palazzo Madama e del sistema museale centrale.
L’inizio attività è previsto per la seconda metà del 2005 e il costo preventivato di 9.000.000 di euro.

Gestione del sistema museale centrale

L’art. 32 della legge finanziaria prevede che lo Stato possa affidare con gara la gestione dei suoi beni a enti non statali.
La Fondazione Torino Musei potrà partecipare all’eventuale gara per la gestione dei musei statali e specialmente del sistema museale centrale, comprendente: Palazzo Reale, Armeria Reale, Biblioteca Reale, Galleria Sabauda, Museo di Archeologia.

Piazza Duomo e Museo Archeologico

Finanziato dalla Compagnia di San Paolo un pre-progetto di valorizzazione che prevede due zone pedonalizzate: nuova Piazza del Duomo e nuovo Parco Archeologico (Torri Palatine, Teatro Romano, nuova Sabauda, Museo Archeologico, nuovi scavi).
Individuato, tramite bando di gara, il regista dell’operazione nel Prof. Aimaro Oreglia d’Isola.La sistemazione definitiva è prevista per la fine del 2005.

Grandi mostre

La Città apprezza la decisione di Marella e Gianni Agnelli di collocare al Lingotto un centro espositivo contenente la loro collezione privata d’arte antica e moderna, dove Palazzo Grassi organizzerà mostre temporanee di alta qualità.
La scelta risponde ad un’esigenza molto sentita, che sarebbe stato difficile soddisfare diversamente.
E’ stata stipulata con il Comune una convenzione per l’inserimento del nuovo centro nell’Abbonamento Musei e nei progetti per le scuole.

Spazi nuovi per mostre saranno disponibili nelle ex OGR; nel frattempo verranno sostenute iniziative di alto livello negli spazi esistenti, come il progetto “L’artigiano metropolitano” (dicembre 2002-gennaio 2003).
Si sta trattando per una mostra di arte africana di importanza mondiale per la fine del 2003 - inizio 2004.
Per un approfondimento sul tema cultura nella Città di Torino si veda il sito di www.torinocultura.it




 
 © Torino Internazionale 2004-2006. Tutti i diritti sono riservati.