contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 30 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Patrimonio culturale | Promuovere Torino come 'Cittŕ del Cinema' | aprile 2002
 
 
APRILE 2002
 
 

Il lavoro della Film Commission

Sono stati 24 i film realizzati in Piemonte nel 2001 (7 per la tv e 3 documentari), due soap opera, 162 settimane di lavorazione complessiva.
Se per l’anno 2002 sono già previste 23 nuove produzioni televisive e cinematografiche, nonché la prosecuzione delle due soap opera, gli obiettivi della Film Commission Torino Piemonte per i prossimi anni puntano ad incrementare le lavorazioni in Torino e Piemonte.
Marco Boglione, Presidente di Film Commission, intende raddoppiare il fatturato legato all’attività rispetto allo scorso anno, portandolo a oltre 130 milioni di euro, e far sì che Torino e il Piemonte entrino tra la rosa dei 20-30 posti in Europa conosciuti ed utilizzati per le produzioni televisive e cinematografiche.
L’attività di Film Commission consiste principalmente nel sostegno alle produzioni (fornitura di una location manager, facilitazione dei rapporti con enti pubblici e privati, sistemazione logistica della troupe, permessi per le riprese negli edifici storici), ma opera anche per creare nuove opportunità di lavoro per i professionisti del settore già presenti sul territorio e favorire lo sviluppo di nuove professionalità e di nuove società legate a questo tipo di attività.
Il “sistema cinema” torinese è attualmente composto da: il Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana, il Multimedia Virtual Reality Park, il Festival del Cinema di Torino e Film Commission.
Ora si aggiunge il progetto del Cineporto che, con un investimento di 5 milioni di euro e tre anni di lavoro, sarà il braccio operativo di Film Commission: locali per gli uffici, per i casting, per i costumi.
Un altro progetto che si fa strada è la realizzazione del “Borgo del cinema”, nella zona intorno alla Mole, dove verrebbero inseriti alberghi, pubs e locali per l’arte e per tutto ciò che è legato al mondo del cinema (oltre alla sede del Festival del Cinema di Torino).

Il Sole 24-Ore, TURISMO, domenica 7 aprile 2002


L’archivio di Francesco Rosi al Museo del Cinema di Torino

Franceso Rosi ha deciso di cedere al Muso del Cinema tutto il suo archivio, la sua bottega di lavoro. Con l’acquisto, il Museo torinese rileva tutto ciò che riguarda la preparazione, la lavorazione e l’uscita di 17 pellicole, con diari, apunti, sceneggiature, foto, interviste e trasmissioni televisive, nonché i materiali per due film mai realizzati.
Il regista ha dichiarato: “Credo sia bene dare un posto a questo materiale, così che possa essere studiato, possa servire a comprendere la realtà fin qui vissuta. E sono felice che sia a Torino, uno dei grandi luoghi del cinema nel mondo”.

La Repubblica, REGIONE - SPETTACOLI, sabato 20 aprile 2002

Premio David di Donatello a Marco Ponti

Marco Ponti, originario di Avigliana, ha ricevuto il premio David di Donatello quale miglior regista esordiente con il film “Santa Maradona”.
Il suo lavoro è stato un evento per l’industria cinematografica italiana: quasi 4 milioni di euro incassati per questo lungometraggio girato a Torino l’estate del 2001.
A Roma, mercoledì 10 aprile 2002 per l’assegnazione dei premi, era presente anche Roberto Buttafarro della torinese Harold, produttore del film.
Santa maradona è stato realizzato sotto la mole con l’ausilio di numerosi torinesi sul set e il supporto della Film Commission.
Tra gli attori del cast Stefano Accorsi, Libero De Rienzo, premiato come miglior attore non protagonista, Anita Carioli e Mandala Tayde.

La Stampa, GIORNO E NOTTE, venerdì 12 aprile 2002

Dipartimento di Cinema d’Animazione - sede di Torino

Il Dipartimento di Cinema d’Animazione che ha sede a Chieri, è destinato a trasferirsi fra tre anni alla Reggia di Venaria. Alla fine del mese di aprile 2002 riaprirà le iscrizioni al corso di cinematografia d’animazione suddiviso in tre indirizzi: animazione classica, computerizzata e sperimentale d’autore.
L’accesso al corso, previo un esame, è a numero chiuso per 18 studenti.
I corsi durano tre anni e hanno obbligo di frequenza. Il costo si aggira tra i 400 e i 900 euro all’anno, sono previste borse di studio e sconti per basso reddito.
La struttura del dipartimento dispone di una foresteria con 35 letti, 13 dei quali già occupati dai ragazzi arrivati da tutte le regioni per il primo bimestre propedeutico, aule per le lezioni teoriche, una sala cinematografica da 80 posti, aule con postazioni per il disegno, laboratori informatici e di ripresa tradizionale.

Il Giornale del Piemonte, sabato 8 dicembre 2001

Il cartone animato: “I sogni di Giovanna”


Il cartone animato “I sogni di Giovanna”, interamente ideato e fabbricato a Torino, sarà presentato l’11 aprile 2002 alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna.
Andrà in onda nel 2003, in 26 puntate di circa sette minuti ciascuna, sulla Rai.
L’équipe di lavoro comprende una decina di persone, gli autori sono Cristina Lastrengo e Francesco Testa, gli attori che danno la voce ai personaggi sono Michele Di Mauro e Germana Pasquero, mentre le musiche originali sono di Mauro Bouvet.

La Stampa, GIORNO E NOTTE, mercoledì 10 aprile 2002

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.