contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 29 gennaio 2005   english   help   contatti   mailing list
 
 
Temi Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Agenda
Associazione
Piano Strategico
 
Home | Cultura, turismo, commercio e sport | Linea strategica 5 | Patrimonio culturale | Promuovere Torino come 'Citta' del Cinema' | dicembre 2001
 
DICEMBRE 2001
 
 

Un ponte culturale tra Torino e Berlino

Tom Tykwer, uno dei maggiori registi tedeschi, ha recentemente girato a Torino il film “Heaven”, che il 6 febbraio 2002 inaugurerà il Festival Internazionale del Cinema di Berlino.
Rita Marchiori, direttore dell’assessorato Cultura, e Roberto Salvio, direttore della Comunicazione, hanno annunciato, inoltre, l’allestimento di una rassegna cinematografica che presenterà a Berlino cinque film storici realizzati in Piemonte.
Sono previste, infine, per il mese di febbraio, in concomitanza con il Festival Internazionale del Cinema, altre iniziative piemontesi che si estendono alla musica, all’arte ed all’enogastronomia.
L’Istituto Italiano di Cultura di Berlino ha già organizzato tra il 29 novembre e il 7 dicembre 2001 una serie di iniziative turistico-culturali per far conoscere l’arte, la cultura e l’enogastronomia della regione Piemonte: ha ospitato la mostra fotografica “Lo spirito dei luoghi”; ha accolto l’Accademia della Voce di Torino nella chiesa-museo Friedrichswerdersche Kirch; ha creato con “Centrotavola” un legame vivo e fortemente operativo tra enogastronomia piemontese e Camera di Commercio Italiana per la Germania.

La Stampa, martedì 4 dicembre 2001

La rassegna “Torino città del cinema”

Dal 16 gennaio al 29 aprile 2002 si svolgerà a Torino, presso la sala 3 del Cinema Massimo, la rassegna “Torino città del cinema” che, tradotto in “Turin, berceau du cinéma italien”, ha già avuto luogo al Centre Georges Pompidou di Parigi dal 21 marzo al 4 giugno scorso. L’inaugurazione della manifestazione avverrà il prossimo 15 gennaio 2002 nello stabilimento Alenia Spazio di Caselle torinese.
L’iniziativa intende far conoscere nei suoi diversi aspetti l’attività cinematografica torinese dalle prime riprese dei Fratelli Lumière ai capolavori del periodo muto, dai grandi produttori piemontesi a importanti colossal.
Alla rassegna, ideata e diretta da Stefano Della Casa e Franco Prono, sarà inoltre presente, il cinema d’artista e quello sperimentale.
Tra più di mille film girati in Piemonte, sono state una novantina le opere reperite presso cineteche, collezionisti privati e distributori commerciali.

Il Giornale del Piemonte, sabato 8 dicembre 2001

Teatro Scribe come Sede del Borgo del Cinema
Lunedì 3 dicembre 2001 e’ stata illustrata dal sindaco Sergio Chiamparino al Consiglio comunale una delibera sul futuro del palazzo Rai di via Cernaia.
L’area è stata ceduta con delibera della giunta Peyron nel 1956 per 227 milioni con la clausola che se la Rai avesse cambiato la destinazione d’uso della sede prevista per uffici amministrativi dell’azienda, avrebbe dovuto stanziare il doppio della cifra al Comune (cifra che oggi è calcolata in 5 miliardi e 61 milioni).
Il Comune, in base a questa risoluzione, potrebbe acquisire il grattacielo Rai (con enormi costi per realizzare il suo risanamento dall’amianto). Il sindaco ha proposto di utilizzare i fondi dovuti dalla Rai per l’acquisto del Teatro Scribe (oggi di proprietà della Rai) con l’intenzione di destinarlo a sede del borgo del Cinema.
Il progetto dovrebbe essere completato con la sede di via Arsenale dove nacque la Radio, raggruppando la Film Commision e il Multimedia Park.
Resta da definire l’accordo con la Rai in base ai suoi futuri impegni ed investimenti.

La Stampa, martedì 4 dicembre 2001

A Torino sono nati festival di livello internazionale, riviste, attività culturali, associazioni di settore riguardanti il cinema e le istituzioni locali (Ministero per i Beni e le Attività culturali, Università di Torino, Regione, Provincia e Comune), le Fondazioni bancarie e alcuni sponsor (Alenia, Euphon, Peyrano, Aereoporto di Cuneo, Museo Nazionale del Cinema, Torino Film Festival, Film Commission, Virtual Reality Multimedia Park) hanno intrapreso una politica di sostegno con lo scopo di conservare la memoria di quest’arte.
Torino è legata al cinema da anni: dalle prime “factories” della celluloide (dall’Ambrosio Film alla Fert) ai focolai del Movie Club, fino alle sempre più numerose rassegne cittadine.
Il Comune ha reso noto di voler restaurare il Teatro Scribe di via Verdi (di proprietà della Rai) per farne un Palazzo del Cinema, in vista del progetto che farà della zona delimitata da via Po e corso San Maurizio un luogo simbolo del cinema.

Il Giornale del Piemonte, sabato 8 dicembre 2001

“Incontri Arte Animazione” alla GAM

Sabato 8 e domenica 9 dicembre 2001 alla GAM (corso Galileo Ferraris 30) si è tenuta la terza edizione di “Incontri Arte Animazione” promossa dall’ASIFA (Associazione Italiana Film d’Animazione) sul rapporto tra animazione e comunicazione pubblicitaria.
Ospiti della manifestazione: Gianni Rondolino (docente di storia e critica del cinema all’Università di Torino), Keita Kurosaka (autore di film d’animazione), Bruno Bozzetto (regista cinimatografico d’animazione, regista di spot televisivi e documentarista), la casa d’animazione torinese Lanterna Magica e Barry Purves (autore contemporaneo di pupazzi animati).
L’obiettivo della manifestazione è stato quello di promuovere incontri fra artisti del settore, di stimolare la conoscenza e lo studio nel campo dell’animazione e di portare questo settore in contatto con altri campi culturali e artistici quali il cinema, l’arte e la televisione.

Il Giornale del Piemonte, sabato 8 dicembre 2001

Il lavoro della Film Commission

Il bilancio dell’attività cinematografica svolta a Torino e in Piemonte nel 2001 è stato presentato dalla Film Commision: 53 miliardi e 135 milioni investiti dalle produzioni; 2 soap opera e 24 film prodotti (di cui 7 per la televisione e 3 documentari); oltre 180 settimane di lavoro (le troupes hanno lavorato complessivamente per 162 settimane alle quali vanno aggiunte 20 settimane di preparazione); 680 tecnici (di cui 146 con contratto annuale) e 290 attori assunti; circa 4500 comparse impiegate.
La Film Commision è la fondazione creata dal Comune e dalla Regione nell’estate del 2000 con l’obiettivo di promuovere l’attività cinematografica in Piemonte e sostenere indirettamente l’industria locale dei film, trasformando la vocazione per il cinema in un serio investimento produttivo, culturale, commerciale e turistico.
La Film Commision si occupa di garantire tutto ciò che occorre per realizzare un film: fornisce i permessi per le riprese in edifici storici; i contatti con le aziende elettriche, d’igiene ambientale, di trasporti; organizza i sopralluoghi con l’assistenza di location scout; mette a disposizione una “banca immagini” (consultabile anche su internet) con le fotografie di 6500 location piemontesi (catalogate per tipologia, epoca, località), un annuario degli attori e delle attrici piemontesi, un elenco di società di servizi come teatri di posa, ditte di noleggio, costruzioni e allestimenti scenografici, casting, post produzione, catering, banche, assicurazioni e quant’altro possa essere necessario.
Attraverso quest’articolata offerta di strutture e servizi, la città di Torino e il Piemonte hanno visto crescere progressivamente il numero delle produzioni realizzate: 2 produzioni nel 1996, 3 nel 1997, 7 nel 1998, 6 nel 1999, 11 nel 2000 e 26 nel 2002.
Per il 2002 la Film Commision ha già in elenco numerose produzioni.
Un’altra iniziativa in progetto (voluta dal presidente Marco Boglione) è il “cineporto”: una struttura dove concentrare una serie di servizi essenziali per la produzione cinematografica. Si pensa alla ex Colongo di corso Verona, una struttura di 4 mila metri quadri.
Infine, si sono messi a punto, in collaborazione con il DAMS, gli stage per gli studenti universitari che avranno così la possibilità di studiare sul set.

La Repubblica, giovedì 27 dicembre 2001

Su Rai-Sat Fiction i mini-racconti ambientati a Torino

Si intitola “Torino mon amour” la serie di mini racconti di Piero Soria andati in onda dal 17 al 22 dicembre 2001 su RaiSat Fiction (l’ultimo nato dei canali satellitari Rai, diretto da Gianfranco Noferi). Questa produzione, favorita dall’attività della Film Commission, è ambientata a Torino, sempre più frequentemente utilizzata come ambientazione per film e sceneggiati.

La Stampa, sabato 15 dicembre 2001


Il MultiLAB e una sala di proiezioni a Palazzo Nuovo

Sono stati realizzati all’Università di Torino (Facoltà di Scienze della Formazione) una sala proiezioni, dotata di maxischermo e ottanta posti, e un laboratorio multimediale-audiovisivo di 500 metri quadri, dotato di sofisticate attrezzature, per la ricerca e la realizzazione di video e prodotti multimediali.
Il MultiLAB ospita già una linea di standard professionale betacam per la realizzazione di video e attrezzature per la post-produzione in digitale. Sarà integrato con altre cinque postazioni per il montaggio e 120 computer, con un server autonomo, che serviranno agli studenti per le esercitazioni sulla progettazione multimediale, dagli effetti speciali del cinema al web. Le attrezzature serviranno al corso di laurea in “multimedialità e DAMS” (nato quest’anno) che approfondisce le applicazioni delle tecnologie multimedia alle arti dello spettacolo.
E’ stata inaugurata il 13 dicembre 2001 la sala di proiezione all’Auditorium MultiLAB.
La sala è stata realizzata con un contributo regionale di 150 milioni, mentre il laboratorio multimediale-audiovisivo è stato finanziato con circa 800 milioni di fondi universitari, cui si aggiungeranno stanziamenti di circa mezzo miliardo reperiti dalla Facoltà.

La Stampa, venerdì 14 dicembre 2001


Iniziativa “Dietro la cinepresa”

Edoardo Sanguineti, docente di Letteratura italiana all’Università di Genova, ha tenuto due colloqui dedicati al cinema rivolti agli studenti del DAMS e a tutti i torinesi interessati (martedì 18 dicembre e mercoledì 19 dicembre all’Auditorium MultiLAB dell’Università di Torino).
Questi incontri rientrano nel quadro dell’iniziativa “Dietro la cinepresa”, che si struttura in una serie di incontri tra studenti universitari, giovani, appassionati di cinema e televisione e professionisti dell’industria del cinetelevisiva, studiosi e letterati.

Il Giornale del Piemonte, sabato 8 dicembre 2001

 
 © Torino Internazionale 2004-2006. Tutti i diritti sono riservati.