contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 30 settembre 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
ImprenditorialitÓ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
QualitÓ urbana
Tamtam
Eco dalle cittÓ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Il Piano | Le Olimpiadi motore di sviluppo e promozione | Costruire nuovi impianti sportivi e adeguare le strutture esistenti | novembre 2002
 
 
NOVEMBRE 2002
 
 

Due piste del ghiaccio in corso Tazzoli

Una pista per il pattinaggio su ghiaccio, collegata con un tunnel al vicino palazzetto di corso Tazzoli, con un parco verde a livello stradale: ecco il secondo impianto per l´hockey alle Olimpiadi 2006.

Nascerà così il «Centro ghiaccio» della città, una struttura, che finiti i Giochi, saprà soddisfare la grande richiesta degli appassionati, che ora possono contare solo sull´impianto di Torino Esposizioni. Ieri la giunta ha dato il via al progetto per la costruzione della seconda pista di allenamento, con una spesa di quattro milioni di euro. Per il palazzetto ne servono invece dieci e arrivano dai fondi stanziati con la legge per Torino 2006. I lavori cominceranno tra febbraio e marzo del prossimo anno, per concludersi nell´estate 2004.

Si tratta del primo impianto olimèionico di Torino con progetto definitivo. Progettato da Gennaro Savarese, Maurizio Palmisano e Giancarlo Revelchion, il complesso sportivo sarà dotato di un sistema di riscaldamento che ne consentirà l´attivazione in una sola parte, permettendo consistenti risparmi. Inoltre, si conta di ´utilizzare materiali a prova di vandali. All´interno, circondata da grandi superfici vetrate, sono previste (al primo piano interrato) tribune per 300 persone e un bar. La pista vera e propria sarà al secondo piano interrato.

La Stampa, Cronaca di Torino, mercoledi 13 novembre 2002
la Repubblica, Torino cronaca, mercoledi 13 novembre 2002

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.