contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 16 novembre 2003
contatti     mailing list
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Qualita' urbana | Il Piano | Nuova centralita', integrazione sociale | Creare nuove centralita' nella cittŕ in stretto rapporto con l'area metropolitana | ottobre 2001
 
 
OTTOBRE 2001
 
 

Ipotesi di trasferimento del mercato arabo di Porta Palazzo

Domenica 7 ottobre 2001 il Sindaco Sergio Chiamparino ha incontrato i rappresentanti dei Comitati per analizzare l’ipotesi di trasferimento del mercato arabo di Porta Palazzo. Dall’incontro è emerso l’accordo sull’ipotesi di trasferimento al Foro Boario di Moncalieri (area considerata interessante poiché facilmente raggiungibile, lontana dalle case, di dimensioni ideali e coperta). L’ipotesi va approfondita (per questo è stato avviato un dialogo con il Comune di Moncalieri) e si aggiunge ad altre alternative tuttora in studio.

Una di queste è l’area ricavabile nell’ex-stazione della Torino-Ceres, estesa fino alla Dora. Questa ipotesi è stata discussa in una riunione operativa l’8 ottobre. Il Sindaco e i tecnici ne hanno valutato la fattibilità e i costi; essa appare interessante poiché sufficientemente vicina per favorire un trasferimento che garantisca l’alleggerimento della pressione su piazza della Repubblica. Tuttavia i rappresentanti dei comitati sono apparsi divisi e chiedono un approfondimento della questione attraverso un progetto dettagliato.

Vi è, inoltre, una terza ipotesi: essa prende in considerazione l’area sul retro dell’ex Grandi Motori, zona di via Cigna. E’ al via un’analisi dell’impatto sulle abitazioni circostanti che il trasferimento del mercato provocherebbe e si intende avviare al più presto il dialogo con la Circoscrizione 7.

La Stampa, lunedì 8 ottobre 2001

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.