contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 24 novembre 2004   english   help   contatti   mailing list
 
 
Temi Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialitŕ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualitŕ urbana
Tamtam
Eco dalle cittŕ
Agenda
Associazione
Piano Strategico
 
  Home | Sistema Internazionale | Linea strategica 1 | Mobilita' interna | Realizzare parcheggi di interscambio | dicembre 2001
 
DICEMBRE 2001
 
 

I Movicentro

E’ stato firmato venerdì 14 dicembre il protocollo d’intesa tra Regione e Rete Ferroviaria Italiana per la realizzazione , entro il 2004, di 24 nodi integrati. Il progetto dei “Movicentro” intende creare strutture di interscambio tra autobus, treni e veicoli privati che invoglino all’uso dei mezzi pubblici e avviare la riqualificazione delle aree attorno alle stazioni ferroviarie. Terminata la fase di costruzione e riammodernamento delle strutture, le aziende di trasporto locale e Trenitalia individueranno un sistema di tariffe integrato tra autobus e treno per rendere più attraente e conveniente l’uso dei mezzi pubblici.

Il progetto Movicentro ha lo scopo di migliorare l’accessibilità al sistema ferroviario regionale e trasformare il treno-integrato in un mezzo di trasporto più competitivo rispetto a quello privato. Le aree attorno alle stazioni ferroviarie prevedono dei progetti che sono stati concordati con i comuni attraverso delle convenzioni. La Regione Piemonte ha messo a disposizione 160 miliardi, di cui 92 per la prima trance: 55 già erogati e 37 in programma tra il 2003 e il 2004. Questo intervento straordinario dovrebbe servire per ammodernare le infrastrutture esterne alle stazioni: costruzione di parcheggi, di autostazioni e di percorsi pedonali che facilitino l’interscambio.

La società rete ferroviaria deve invece occuparsi della riqualificazione delle stazioni, offrendo ai clienti un servizio più completo in termini di comfort, sicurezza e sistemi informativi. Si dovrebbero poi individuare aree per allestire spazi culturali, punti di ristoro, servizi commerciali e per il tempo libero. Il documento firmato il 14 dicembre 2001 impegna i due enti a sviluppare anche un programma di riqualificazione e gestione delle stazioni senza controlli. Partirà presto un progetto pilota sulla linea Chivasso - Ivrea, per capire quali possano essere le azioni adeguate, estendibile poi ad altre realtà del territorio.

La Stampa, sabato 15 dicembre 2001

La Regione e la rete ferroviaria italiana hanno firmato venerdì 14 dicembre 2001 la convenzione che fissa gli impegni dei due enti per realizzare i Movicentro previsti. La Regione finanzierà la prima fase del progetto con 92 miliardi, mentre la RFI metterà a disposizione le aree e una ventina di miliardi. I Movicentro, oltre a fornire un servizio efficace per chi si sposta, rappresentano un’occasione per riqualificare dal punto di vista urbanistico e sociale aree urbane collocate prevalentemente in posizione centrale ma spesso destinate al ridimensionamento o alla dismissione.

Le città interessate (in provincia di Torino), le risorse e lo stato di attuazione sono i seguenti: Alpignano, 900 miliardi programmati, accordo di programma in corso; Avigliana, 2140 milioni programmati, accordo di programma in corso; Chieri, 2500 milioni impegnati, convenzione sottoscritta; Chivasso, 2750 milioni programmati, accordo di programma in corso; Collegno, 2000 milioni impegnati, convenzione sottoscritta; Ivrea, 3500 milioni impegnati, convenzione sottoscritta; Moncalieri,1500 milioni impegnati, convenzione sottoscritta; Pinerolo, 2000 milioni impegnati, convenzione sottoscritta; Trofarello, 3000 milioni programmati, accordo di programma in corso; A queste città vanno aggiunte nel resto del Piemonte: Novi Ligure, Tortona, Asti, Biella, Cossato, Alba, Bra, Cuneo, Fossano, Mondovì, Gattinara, Livorno Ferraris, Trino, Domodossola, Verbania, Acqui Terme, Alessandria, Casale Monferrato, Ciriè, Venaria E Torino.

I progetti più vicini alla realizzazione sono quelli di Ivrea e Trofarello. Dei 92 miliardi previsti per i 24 interventi 55 sono già stati erogati, e 37 saranno consegnati tra il 2002 e il 2003 (come sancito con Province e Comuni interessati). Il contributo è ammesso per la costruzione delle autostazioni, dei parcheggi e dei percorsi pedonali.

La Stampa, sabato 15 dicembre 2001

 
 © Torino Internazionale 2004-2006. Tutti i diritti sono riservati.