contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 19 settembre 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
ImprenditorialitÓ e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
QualitÓ urbana
Tamtam
Eco dalle cittÓ
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Tam Tam | Archivio | Anno 2002 | Numero 3 | Quale ruolo per l'artigianato?
 
 
QUALE RUOLO PER L'ARTIGIANATO?
La valorizzazione dell'artigianato e della piccola impresa come motore per lo sviluppo economico del territorio.
 
 

Favorire quanto più possibile l´avvicinamento della scuola al mondo del lavoro è davvero una delle azioni più strategiche che il nostro territorio possa compiere. Per questo CNA Torino ha creduto sin dall´inizio nel progetto del Salone dei mestieri; un Salone dei mestieri che deve nascere con la prospettiva di dare voce alle centinaia di attività che un giovane può svolgere concluso il ciclo di studi obbligatori.

Oggi famiglie e ragazzi ancora troppo spesso hanno una visione distorta della realtà, che alimenta false aspettative e confonde ancora di più le idee a chi si avvicina, al termine degli studi, al momento della ricerca della prima occupazione: vince ancora l´idea che Torino e l´area metropolitana offrano in prevalenza lavori legati all´industria, almeno per chi si aspetta un futuro da dipendente e non punta su un´autonomia professionale. Invece, e sempre di più, i nuovi posti di lavoro si creano nelle aziende artigiane e nel mondo della piccola impresa.

Non solo, ma sono proprio le piccole imprese e l´artigianato a offrire ai giovani le maggiori opportunità di crescita e di realizzazione personale, se si pensa che una percentuale altissima di chi in giovane età si avvicina a questo mondo spesso finisce con l´aprire un´attività in proprio in età adulta.

L´artigianato, del resto, non è una riserva indiana dove si riproducono fino all´estinzione mestieri antichi e scarsamente significativi dal punto di vista economico, ma rappresenta, a differenza della grande industria, tutti, ma proprio tutti, i settori della produzione e dei servizi.

Oltre a aumentare la visibilità della piccola e media impresa, in tutte le sue forme, a nostro avviso il Salone dei mestieri dovrà raccordarsi con un sistema permanente di stage nelle aziende del territorio e di iniezioni di cultura imprenditoriale nel mondo della scuola.

Uno sforzo che da anni la CNA Torino persegue con convinzione attraverso il Progetto Cesedi-CNA Formazione che ogni anno permette di far incontrare esperti dell´Associazione con decine di classi degli istituti superiori della provincia di Torino. Inoltre, attraverso il Progetto Scuola-Lavoro ed altre iniziative, la CNA rende possibili ogni anno stage e brevi visite presso le aziende del settore grafica-immagine-comunicazione, certamente uno dei più meritevoli di essere valorizzato nel futuro Salone dei mestieri, insieme al mondo dei servizi alla persona, alla fotografia industriale e alla produzione manifatturiera avanzata.

Il Salone dovrà quindi essere più e meglio di una semplice fiera: costruito sull´esempio francese del Mondial du Métiers di Lione, dovrà offrire un luogo permanente di riflessione sul legame tra scuola e lavoro e cercare forti radici nel territorio.
Una sfida decisiva a cui daremo il nostro apporto in maniera prioritaria.

Paolo Alberti
Segretario CNA Torino

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.