contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 30 luglio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Rassegna stampa
 
 
 
 
23.01.2003 - L'arte sul metrò
L´idea è interessante: abbellire la nuova Linea 4 della metropolitana leggera, che nei prossimi mesi collegherà Stupinigi con corso Giulio Cesare, con quattro installazioni d´arte contemporanea, fermate cittadine che si trasformano in mostre a cielo aperto. Il «Premio Artegiovane/Torino Incontra. Una porta per Torino», giunto alla sua sesta edizione, ha invitato giovani artisti italiani a progettare un intervento di arte urbana per piazzale Caio Mario: «È la prima tappa individuata sul percorso della Linea 4, una rotonda che dovrebbe poi ospitare in permanenza le opere vincitrici nello spazio di fronte alla Fiat Mirafiori» racconta Guido Curto, curatore storico dell´iniziativa. Un´altra porta cittadina, che si dovrebbe aggiungere alle altre identificate negli anni dall´associazione ArteGiovane in collaborazione con il Centro Congressi Torino Incontra della Camera di Commercio, e con l´aiuto della Compagnia di San Paolo e della Fondazione Crt.

Dal ´97, infatti, sono stati scelti via via luoghi che costituissero simboliche porte d´ingresso alla città, dall´atrio dell´aeroporto di Caselle al Sermig, alla stazione di Porta Nuova. Un premio tra i più importanti nel panorama nazionale, dove sono passati centinaia di artisti italiani, nato dalla passione di un gruppo di collezionisti dell´arte contemporanea, che hanno deciso di intervenire nel grande fermento artistico che anima Torino. Un´iniziativa privata che ha sempre voluto far incontrare il lavoro dei giovani artisti con la gente, portando le opere in giro per Torino e animando, riqualificando angoli di città e dando loro visibilità attraverso l´idea dell´arte pubblica. Una storia piena di ricordi, con i volti anche di artisti piemontesi come Marco De Luca, Enrica Borghi, Botto&Bruno;, Eredi Brancusi, Luisa Rabbia. Viene in mente quando, nel ´98, l´installazione della coppia Botto&Bruno; per l´atrio del Municipio venne bloccata per l´opposizione di alcuni consiglieri comunali, che la ritenevano una sorta di apologia degli squatters. O quando Marco De Luca, nel ´99, invase il Sermig con enormi missiloni, utilizzati però come giardini pensili. E l´anno dopo Piero Golia ridava vita alla squadra del Grande Torino con sculture iperrealiste in scala 1:1 all´Anagrafe Centrale: dopo una settimana le loro mitiche magliette erano già state rubate.

Quest´anno il progetto del Premio ArteGiovane/Torino Incontra ha fatto il salto, anche se il suo inserimento stabile nel tessuto quotidiano attende ancora uno sponsor che traduca in spazi e opere concrete i lavori prescelti. Così i progetti dei due vincitori, il collettivo Nicole FVR e Patrick Tuttofuoco, si potranno solo immaginare, guardando bozzetti e disegni presentati oggi alle 19 al Centro Congressi in via Nino Costa 8. L´inaugurazione della mostra chiuderà un dibattito intitolato «Arte urbana e giovani artisti» (appuntamento alle 17.30 in sala Einaudi) a cui parteciperanno Fiorenzo Alfieri, Giuseppe Pichetto, Alvise Chevallard, Guido Curto, Cristina Mundici, Philippe Hardy, Sivio Ferrero e Luigi Stoisa, un´occasione per far dialogare pubblico e privato su come evitare che buone opportunità vadano sprecate.

Naturalmente gli organizzatori sperano che qualcuno, magari qualche ente pubblico, decida di aiutare un´iniziativa che si è affermata nel panorama nazionale e che costituisce una delle voci private più dinamiche dell´attività culturale piemontese. Il progetto va avanti e ci si augura che un finanziamento possa permettere di dar vita finalmente agli enormi fiori fatti di catarifrangenti colorati del collettivo FVR e al pannello animato dal susseguirsi di immagini e scritte di Tuttofuoco. E che, nel 2004, la prossima piazza scelta - piazza Derna - abbia la «sua» opera d´arte. L'arte

Olga Gambari

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.