contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 26 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Rassegna stampa
 
 
 
 
31.01.2003 - Antonella&Maciste.; "MenoTre" al 2006
Mancano tre anni all´apertura delle Olimpiadi e il Toroc organizza una serie di eventi culturali raccolti sotto il titolo «Meno Tre», che prendono il via in questi giorni e si ripeteranno ogni anno a febbraio, fino al 2005. Poi, nel 2006, in concomitanza con i Giochi Olimpici e Paralimpici, si svolgeranno le vere e proprie Olimpiadi della Cultura, previste dall´Host City Contract, il contratto che la Città e il Coni hanno firmato il 19 giugno 1999 a Seoul, dopo l´assegnazione dei Giochi a Torino.

«Meno Tre» è stato presentato ieri nel Centro per l´arte contemporanea della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo dal vice presidente vicario del Toroc Evelina Christillin e dal direttore della comunicazione Andrea Varnier. E ieri sera in quegli spazi si è inaugurato il primo evento in programma, la mostra La Montagna Incantata, dedicata ai rapporti tra artisti contemporanei e montagna. Seguirà il 9 febbraio, ancora in quella sede, Luna crescente, concerto di Antonella Ruggiero con Samuel e C-Max dei Subsonica, dal 10 al 12 febbraio infine al Cinema Massimo, in collaborazione con il Museo del Cinema, un ciclo dal titolo Mitico! Lo sport al cinema tra storia e leggenda, tra cinegiornali d´epoca e grandi documentari sportivi: una serata sarà dedicata a Maciste, il forzuto di Cabiria, di cui sarà proiettato il film Maciste all´Inferno, musicato dal vivo dagli YoYo Mundi).

«Quello che renderà diverse dalle altre le nostre Olimpiadi sarà l´offerta culturale, che prevediamo molto ampia, anche perché questo il mondo si aspetta da noi», ha detto ieri con il consueto entusiasmo Evelina Christillin. E ha spiegato che il Toroc proporrà, in parallelo ai Giochi, un cartellone artistico e culturale che esprima un´immagine di Torino, del Piemonte e dell´Italia all´altezza delle aspettative internazionali. Proprio per questo è al lavoro dallo scorso anno una squadra di esperti che ha prodotto il documento Il racconto dei corpi. Linee guida per il programma Arte e Cultura di Torino 2006. Del gruppo, coordinato dallo storico Giovanni De Luna, fanno parte tra gli altri Alessandro Baricco, gli artisti Michelangelo Pistoletto e Enrica Borghi, l´esperto di cinema Stefano Della Casa, il compositore Nicola Campogrande, lo scrittore e alpinista Enrico Camanni, gli ex atleti Andrea Zorzi e Giulia Staccioli, il docente di semiotica Ugo Volli.

Tra le sfide da affrontare, quelle di definire le caratteristiche dell´identità della città e delle sue montagne, in un continuo dialogo tra locale, nazionale e globale, e di evitare i luoghi comuni e gli stereotipi, presentandosi al mondo con un nuovo linguaggio, radicato nel presente. Superando le barriere tropo spesso innalzate tra sport e cultura e mettendo al centro delle varie discipline il tema del corpo, ideale crocevia in cui intrecciare i vari percorsi.

Marina Paglieri

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.