contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 21 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Imprenditorialità e occupazione | Rassegna stampa
 
 
 
 
06.02.2003 - Torino guida il rilancio economico
Le cifre sono eloquenti: 110 milioni di euro di finanziamenti chiesti per il rilancio di 2 mila 876 imprese in 844 Comuni, ricompresi sotto 7 Province. E´ il piano regionale di finanziamento con «fondi strutturali», legati alla ristrutturazione delle aziende per tornare ad essere competitive sul mercato. L´Amministrazione ha messo a disposizione 190 milioni di euro e ha ricevuto 4 mila domande di finanziamento: 2 mila 876 hanno già ricevuto i fondi (110 milioni), altre richeiste saranno esaminate fino ad esaurimento della cifra stanziata dalla Regione. «L´assorbimento dei fondi ha raggiunto ottimi livelli - spiega Gilberto Pichetto, assessore al bilancio, Industria e Lavoro -. Ciò significa che le aziende hanno saputo cogliere l´opportunità offerta dalla Regione di effettuare un ciclo di massicci investimenti indirizzati soprattutto all'innovazione, alla qualità del prodotto, a rafforzare la competitività sul mercato internazionale».

A guidare la classifica della riqualificazione è Torino, con 2 mila e 93 imprese già finanziate (due terzi del totale), contro le 209 di Alessandria, le 171 di Cuneo, le 165 della zona di Verbano Cusio Ossola, le 146 di Asti, le 61 di Vercelli e le 31 di Biella. Lo sforzo del capoluogo piemontese è legato soprattutto al settore industriale (mile e 654 ditte) e artigianale (509), con un´attenzione particolare alla qualità (641 finanziamenti per l´industria e 222 per l´artigianato), sotto forma di «consulenze strategiche» per migliorare sotto quell´aspetto.

Grande peso hanno anche le richieste di finanziamento per progetti mirati alla promozione internazionale (514 per l´industria, 104 per l´artigianato) e per gli investimenti (208 per l´industria e 94 per l´artigianato).

I fondi stanziati dalla Regione riguardano imprese con un´occupazione complessiva di 53 mila addetti: con i soldi arrivati dall´Amministrazione, il «giro» d´affari potrebbe migliorare fino a far assumere altri 6 mila e 500 dipendenti. A giudicare dalle richieste, il mondo dei servizi e del turismo è orientato a un´espansione delle strutture già esistenti (26 domande di fondi per investimenti e altre 12 legate anche a prestiti).

Claudio Laugeri

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.