contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 27 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Rassegna stampa
 
 
 
 
14.02.2003 - La "città della salute": decisione in dieci giorni
Il futuro del progetto di Cittadella della salute si gioca nei prossimi dieci giorni, forse anche meno. I vertici degli enti locali sono uniti nell´indicare il progetto come una «grande opportunità, la più grande eredità delle Olimpiadi». E´ arrivata però, l´ora di vedere le carte oppure, come dice Enrico Salza, vicepresidente del Sanpaolo-Imi: «E´ necessario capire chi mette i soldi». Anche perché, come spiega Valentino Castellani, presidente del Toroc, quel «progetto è fuori tempo massimo visto che il villaggio degli atleti deve essere completato entro l´ottobre del 2005». Che fare, allora? Il presidente della regione Piemonte, Enzo Ghigo, e il vicesindaco della città, Marco Calgaro contano molto sulla carta Tronchetti Provera. I contatti con l´imprenditore che controlla la Pirelli e i suoi manager si stanno intensificando. Il Governatore dovrebbe incontrarlo dopo il 20 di febbraio.

Che Tronchetti Provera sia l´«uomo dei sogni» - anche perché si porterebbe dietro la famiglia Benetton detentrice di una parte delle azioni della Pirelli Real Estate - lo dimostrano le voci che si diffondono nei palazzi del potere, originate dagli appuntamenti istituzionali del sindaco Sergio Chiamparino. Il primo cittadino, l´altro giorno, era a Milano per partecipare ad un incontro tra gli amministratori delle grandi città ma «sicuramente in una pausa dei lavori avrà visto i vertici della multinazionale», spiegavano i soliti ben informati del Palazzo. E´ così? «Assolutamente no», risponde Chiamparino che subito dopo fa il punto della situazione. Primo: «Per il Comune le procedure vanno avanti sulla delibera del 10 di dicembre che ha preso atto dell´esito del concorso di architettura vinto da Benedetto Camerana e soci. Poi abbiamo dato indicazioni all´Agenzia di procedere nell´assegnazione degli incarichi per la progettazione definitiva». Che fare, allora? «Se dovessi decidere oggi - risponde Chiamparino nella tavola rotonda organizzata ieri sera dal Toroc all´Unione Industriale - direi ai progettisti di proseguire sulla strada già tracciata ma di valutare la possibilità di inserire nello studio definitivo tutti quegli elementi che permettono la massima flessibilità in modo da poterlo adattare alle eventuali necessità di una cittadella sanitaria».

Detto questo, però, Chiamparino mette alcuni paletti: «Per la città è necessario individuare un soggetto imprenditoriale che si assuma la responsabilità di realizzare concretamente l´opera. In questo modo sarà possibile ottenere chiarezza sia sul rispetto dei tempi olimpici sia sulla sostenibilità economica dell´investimento». A che punto siamo? Fermi, in una situazione di stallo assoluto. Quel soggetto, infatti, non può essere certo Olimpic Inn «perché è una società di progettazione e di promozione» e non è nemmeno Tronchetti Provera perché «la Pirelli ha dimostrato un´interessamento generico ma, allo stato attuale non si è candidata alla realizzazione». Ad oggi quel soggetto non esiste perché «se non è Pirelli resta da capire chi potrebbe farlo».

Già chi è? Enzo Ghigo è ottimista: «La Regione è consapevole con il Comune di Torino delle criticità espresse da Castellani e da Salza. Questioni che stiamo affrontando con decisione per mantenere in primo luogo gli impegni presi con il Cio». Il Governatore, dunque, non getta la spugna anche perché «l´ospedale ad alta specializzazione che verrebbe realizzato dopo il 2006 diventerebbe la più importante eredità lasciata ai piemontesi dai Giochi Olimpici». In ogni caso «la Regione ha deciso di costruire le nuove Molinette che saranno realizzate grazie ai fondi regionali e a quelli che si troveranno attraverso lo strumento del project financing. Stiamo già valutando alcune offerte». Le Molinette 2 saranno realizzate sull´area delle ex Dogane e su un pezzo del villaggio Media.

Dunque, obiettivo Tronchetti Provera ma non solo. Fabio Pasquini, presidente di Finpiemonte, ente strumentale della Regione, ha avuto il mandato da Ghigo di esplorare il mondo economico e finanziario alla ricerca degli investitori privati. Spiega: «Finpiemonte ha costituito un comitato esecutivo con gli istituti bancari Sanpaolo-Imi e Unicredit che ha esaminato il progetto con Olimpic Inn. Gli studi preliminari hanno dato un risultato incoraggiante. Adesso siamo nella fase dell´approfondimento». E fonti autorevoli di Olimpic Inn, la società che ha proposto il progetto, confermano «l´esistenza dell´interessamento di Pirelli».

Maurizio Tropeano

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.