contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 27 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Rassegna stampa
 
 
 
 
19.02.2003 - Negli atenei torinesi si respira il clima dell'Universiade 2007
Negli Atenei di Torino si respira già il clima delle Universiadi invernali del 2007, assegnate alla città della Mole poco più di un mese fa dalla Fisu (Federazione internazionale dello sport universitario). Un assaggio dello spirito di cui si nutre la più grande manifestazione dedicata agli studenti l´ha offerto (e altrettanto ben trasmesso ai presenti) il Magnifico Rettore dell´Università, Rinaldo Bertolino, durante la festa-cerimonia organizzata in onore del comitato promotore subalpino e degli atleti piemontesi che si sono distinti nell´ultima edizione a Tarvisio. «Le Universiadi sono dalla loro nascita un momento di pace - ha detto Bertolino - ed è basilare in questi giorni appellarsi all´esigenza di pace fra i popoli. Lo sport poi è costruttivo, vitale, rappresenta un´iniezione di energia e speranza rispetto alla dimensione quotidiana ed obbligata della nostra vita lavorativa ed universitaria». Ed ha aggiunto: «Il rapporto inter gentes, di comunicazione con altri popoli e accrescimento reciproco, è un modello che ci appartiene per tradizione, per cultura ed è un rapporto da riprendere con continuità. Le Universiadi possono aiutare a fare crescere questo percorso in quanto strumento di pace, dialogo e di dimensione del futuro per i giovani, tutti i giovani».

Poi, in perfetto tedesco, rivolgendosi agli ospiti austriaci, organizzatori dell´edizione 2005 ad Innsbruck, Bertolino ha sottolineato ancora l´importanza dell´assegnazione dell´edizione 2007. «L´Università torinese si rallegra perché la vittoria sarà un mezzo per collaborare con altre realtà internazionali. Siamo ora all´inizio dei lavori in attesa del traguardo». Sull´opportunità di sviluppo degli atenei torinesi si è soffermato a lungo anche il Rettore del Politecnico, Giovanni Del Tin. «L´assegnazione delle Universiadi è una vittoria corale delle istituzioni che hanno lavorato in sintonia, facendo sistema. E´ un´opportunità importante per i nostri Atenei che proseguono così nel lavoro d´internazionalizzazione già avviato con l´obiettivo di conquistare studenti da tutto il mondo».

Gli interventi degli assessori allo Sport Racchelli (Regione) e Montabone (Comune) e della presidente della Provincia Bresso, hanno focalizzato il punto centrale dell´operazione Universiadi 2007. «Il territorio ha un´altra occasione per mostrare le sue capacità e le sue attrattive, sportive ma anche culturali e produttive, a migliaia di giovani. Un treno su cui volevamo salire e che siamo orgogliosi di avere preso».

Sull´atto d´intesa con Innsbruck, che ha ospitato pure due edizioni dei Giochi olimpici e con i quali si avvia una collaborazione a livello culturale attraverso convegni, progetti di studio, incontri e seminari, la firma di Giovanna Cappellano Nebiolo, moglie del compianto Primo, l´inventore delle Universiadi, e presidentessa ad honorem del comitato promotore e del futuro organizzatore. «È una forte emozione essere stata coinvolta in questo progetto che m´inorgoglisce e che rappresenta una continuità di pensiero con il passato e l´operato di mio marito».

I primi passi concreti svolti dal comitato organizzatore subalpino - che dovrà essere confermato o mutato nei nomi ma non nella sostanza della rappresentatività degli enti - sono la creazione di un sito internet (www.univeriaditorino2007.it) che sarà redatto in italiano, francese e inglese e verrà utilizzato anche come mezzo di reclutamento dei collaboratori alla manifestazione, e il bando di due concorsi grafici per la creazione della mascotte e del logo ufficiale delle Universiadi.

Silvia Garbarino

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.