contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 22 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Imprenditorialità e occupazione | Rassegna stampa
 
 
 
 
04.03.2003 - Produzione industriale in calo del 4,4 per cento
E´ andato maluccio il 2002 in Piemonte: la produzione industriale ha avuto una flessione del 4,4 per cento sul 2001, il doppio rispetto al già poco brillante risultato nazionale dove si è perso il 2,1. Secondo l´indagine congiunturale curata da Unioncamere i settori che hanno sofferto di più sono stati ovviamente quello dei veicoli con un calo del 4,3%, ma molto male è andato anche il tessile concentrato in particolare nel biellese con una perdita addirittura del 7,7. Negli altri comparti la gomma ha perso il 4,3%, l´elettronica il 3,7, i mezzi di trasporto l´1,5.

Bene invece l´andamento della meccanica di precisione (+7,4%), della costruzione di macchine e apparecchi meccanici (+2%), e come sempre negli ultimi anni dell´alimentare (+1,6%). Torino ha perso complessivamente il 2,4%, poco di più della media nazionale. Malgrado questi dati decisamente negativi, la crisi generale e l´imminenza della guerra Unioncamere è ottimista per il 2003. Sostiene che «è in atto un´inversione di tendenza» e che nell´anno potrebbe verificarsi la ripresa». Renato Viale, presidente di Unioncamere, afferma: «Nel 2003 aspettiamo la ripresa sia della domanda estera sia dei consumi, grazie al ritorno alla relativa normalità sui mercati finanziari. La nuova fase espansiva potrebbe arrivare alla fine dell´anno». E sulla guerra ipotizza: «Se si dovesse verificare la ripresa potrebbe di nuovo allontanarsi».

Molto pesante anche la situazione del commercio: nel quarto trimestre 2002 c´è stata una contrazione nelle vendite del 30 per cento sia al dettaglio sia nella grande distribuzione con i dati peggiori nei comparti non alimentari. Le previsioni per il primo trimestre sono di un calo del 35%.

M.Cas.

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.