contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 19 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Qualità urbana | Rassegna stampa
 
 
 
 
13.03.2003 - Venti milioni di euro per Porta Palazzo
Ripulita. Ordinata. Ariosa. Funzionale. Finalmente a norma. Sono i cardini di Porta Palazzo in versione riveduta e corretta, riassunta nei suoi elementi distintivi dal progetto preliminare presentato ieri in terza commissione dall´assessore Elda Tessore (Commercio). Il senso è quello di un «make-up» da 20 milioni di euro. Obiettivo: consolidare e rilanciare entro il 2005 la vocazione commerciale del mercato più grande d´Europa, in linea con il recupero del quartiere circostante.

Chi pensa allo stravolgimento di piazza della Repubblica così come la conosciamo, sbaglia: la forma della piazza resterà sostanzialmente quella attuale, così come l´assetto dei quadranti e la distribuzione merceologica. Nel progetto, suscettibile di ulteriori modifiche, si parla esplicitamente di un piano «leggero» ma comunque destinato a lasciare il segno. Cinque i settori di intervento: adeguamento del mercato alle norme sanitarie; riordino dei banchi; nuovi spazi per la mobilità pedonale all´interno del mercato. Come? «Razionalizzando il carico-scarico merci e individuando spazi di sosta per i mezzi utilizzati quotidianamente dagli operatori», spiega la Tessore. E ancora: interventi per snellire la percorrenza dei veicoli all´esterno del mercato; riequilibrio dell´immagine complessiva della piazza, sia durante l´orario di mercato che ad attività concluse. Perchè sarà anche vero che Porta Palazzo è un mercato con la maiuscola - con la sua «anima» ed una serie di specifiche da tutelare - ma nessuno, a partire da chi ci lavora, può nascondersi i grandi e piccoli problemi che lo affliggono. Il problema non è se intervenire, ma come. Non è un caso che anche nella commissione presieduta da Santina Vinciguerra il dibattito si sia acceso quando si è entrati nel merito della riorganizzazione.

Come anticipato, l´attuale disposizione dei quadranti non verrà modificata se non per quello sud-est e quello sud-ovest - a ridosso dei mercati coperti V Alimentare (ristrutturato completamente) e Ittico (facciate esterne e coperture) -, leggermente ampliati lungo il perimetro esterno per consentire una migliore collocazione dei banchi. Contestualmente, saranno realizzati collegamenti pedonali protetti di accesso alla piazza, collegati fra loro. Più deciso l´intervento in piazzetta Milano, il solo punto in cui verrà rimesso mano anche alla distribuzione merceologica: nuova pavimentazione, sede tranviaria delimitata e, come abbiamo detto, modifiche alla collocazione dei banchi. Il mercato delle Calzature resterà al suo posto, cioè a fianco del costruendo mercato coperto dell´Abbigliamento. Indirizzo confermato anche per quello dei Casalinghi e dei Produttori (sostituzione vetrate, nuove coperture). E la piazza «tout-court»? Qui, nel cuore pulsante del mercato, si concentrerà il grosso dell´intervento: nuova pavimentazione con lastre di pietra (diverse per forma e dimensione, segneranno percorsi pedonali e gli spazi riservati ai banchi); impianto di raccolta delle acque piovane; dispositivi per la fornitura di energia elettrica ed acqua potabile... Il tutto armonizzato da un nuovo impianto di illuminazione che oltre ad esaltare la bellezza della piazza dovrebbe contribuire ad una maggiore sicurezza.

Sul fronte della viabilità, le parole d´ordine sono «traffico più snello» e «lotta all´abusivismo». La regolarizzazione della sezione stradale dell´anello intorno alla piazza - dove si prevede di mantenere il parcheggio a lato dei fabbricati circostanti e l´allargamento del plateatico (ricavando un´area riservata ai mezzi degli ambulanti) - va in questo senso. Idem per la rete di parcheggi alternativi ad uso degli operatori, dotati di nuove e più moderne attrezzature. Il progetto esecutivo è previsto a novembre. Salvo ritardi, i lavori inizieranno a maggio 2004 per terminare ad ottobre 2005. Entro quella data, il debutto del nuovo mercato come non l´avete mai visto.

Alessandro Mondo

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.