contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 28 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Rassegna stampa
 
 
 
 
14.03.2003 - In Piemonte una televisione di qualità
AL di là delle giuste preoccupazioni e proposte emerse per la sorte della radiofonia a Torino, parlare oggi di servizio pubblico significa parlare di televisione. E proprio da Torino e dal Piemonte potrebbe partire un possibile scenario innovativo. Il contratto di servizio tra il ministero delle Comunicazioni e la Rai consente al servizio pubblico di destinare risorse cospicue alla «produzione interna ed esterna». Si tratta di investimenti complessivi per circa 260 milioni di euro l'anno. Se anche solo il 5% di tale somma venisse espressamente destinata (ad esempio, in fase iniziale, nei quattro centri di produzione Tv di Torino, Milano, Roma e Napoli) alla «produzione interna ed esterna» di alcuni esperimenti di nuove fiction, nuovi documentari, nuovi format nonché un vero teatro televisivo, con l´intesa che essa sia affidata a chiunque porti nuovi progetti, dalla selezione dei prototipi approvati uscirebbero sicuramente opere egregie e programmi finalmente interessanti, in quanto localmente pensati ed alimentati culturalmente.

Insomma, ciò che succede da anni in almeno 50 bacini territoriali dell'Unione Europea. Non è neppure una novità: la Rai stessa ci ha provato, alcuni anni fa. Si chiamava «Serra creativa», aveva sede a Milano; nonostante il generale plauso, si sgonfiò rapidamente: venne creato un «carrozzone» smisurato e costosissimo, mal gestito e tutto piegato a logiche interne (spesso avverse). Altra cosa sarebbe se questa opzione fosse il frutto di una scelta condivisa e trasparente. In Piemonte esistono talenti da coltivare e strutture e ambienti professionali da mettere in sinergia. Soprattutto esistono operatori ed intellettuali di alto profilo che potrebbero dare un sostanzioso contributo all'elaborazione di questo progetto, allo scopo di dar vita ad un «sistema radio e televisione» in Piemonte, assolutamente speculare e sinergico al «sistema cinema», giustamente vantato come una realtà ormai consolidata.

Alessandro Signetto - Direttore Antenna Media Torino

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.