contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 17 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Formazione e ricerca | Rassegna stampa
 
 
 
 
07.04.2003 - Partenza sprint per il centro Skillab
La strada per la competitività passa per la valorizzazione del capitale umano. Una regola che vale per le grandi aziende ma anche per le piccole e medie imprese, tradizionalmente in difficoltà quando si parla di formazione: soprattutto per ragioni di budget e, qualche volta, di mentalità. Proprio in questa direzione - da gennaio - si muove Skiilab, il polo per la formazione voluto da Anima e Unione industriale di Torino. Nei primi di tre mesi di attività, il tessuto imprenditoriale subalpino ha già mostrato di gradire l'iniziativa: 50 i corsi conclusi, con oltre mille persone coinvolte fra imprenditori, manager e quadri appartenenti a tutto il sistema produttivo piemontese.

In prima fila piccole e medieimprese, che sembrano aver trovato in Skillab il partner ideale per impostare un programma serio di formazione continua. «In un mercato - sottolinea Andrea Pininfarina, presidente dell'Unione industriale di Torino e di Skillab - dai confini sempre più allargati, la competitivita non si gioca soltanto sul versante dei costi, a fare la differenza sono soprattutto le risorse umane: in termini di valorizzazione, di qualificazione, di reperibilità».

«Con particolare riferimento alle piccole e medie imprese - prosegue Pininfarina - Skillab intende orientare il mondo dei giovani e le strutture educative alla scelta dei percorsi formativi più idonei, fino alla definizione di profili mirati alle esigenze aziendali». Un'esperienza che in Italia non conosce precedenti e che intende «attivare un circuito virtuoso - conclude Pininfarina - che agisca sull'intero processo, in modo da favorire un salto di qualità nella preparazione alle diverse professionalità».

Skillab si propone come laboratorio per promuovere la cultura della formazione e al tempo stesso come punto di riferimento per aiutare le imprese piemontesi a "fare sistema" contro la crisi. «Il vero problema del tessuto piemontese - sottolinea il direttore generale, Licia Devalle - è la competitività: ci sono da recuperare margini di efficienza e di efficacia, servono competenze nuove, una conoscenza più approfondita dei mercati stranieri, una maggiore cultura dell'innovazione e dello sviluppo tecnologico». Ostacoli impegnativi, che richiedono gioco di squadra e investimenti di lungo periodo: «Talvolta - rileva Licia Etevalle - notiamo tra le imprese la tendenza a reagire alla crisi a piccoli passi, con piccole scelte. Ma si tratta di rimedi che non risolvono: occorrono programmi di lungo periodo e logiche di rete».

Non a caso, Skillab punta a fidelizzare il proprio bacino di utenza. Attraverso programmi di coaching e di tutorship all'intemo dell'azienda, ma anche offrendo la possibilità di mantenere stretti legami con i docenti e i compagni di corso. In quest'ottica, dal primo maggio sul sito intemet www.skillab.it verrà inaugurata un'aula virtuale, uno spazio -forum dove manager e imprenditori avrannomodo di rimettersi in contatto, presentare problemi e proporre soluzioni: una prima tappa, in via sperimentale, prima dell'attivazione di programmi di e-leaming.

Se un occhio di riguardo rimane puntato sulla competitivita finanziaria (per superare le tradizionali criticità nei rapporti con le banche), nel carnet di Skillab non mancano iniziative di formazione su misura per titolari di impresa (a partire dall'analisi di best practices), seminari di sensibilizzazione sulle culture straniere, workshop - in collaborazione con l'Università - dedicati alla cultura d'impresa e al family business.

Marco Ferrando

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.