contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 17 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Formazione e ricerca | Rassegna stampa
 
 
 
 
08.04.2003 - L´ingegnere si dà al cinema
Gli ingegneri del Cinema e delle Comunicazioni si formano a Torino. Non mancavano che gli ingegneri, infatti, a completare il quadro del 'sistema cinema´ torinese: quello già esistente e operativo (Museo del Cinema, Multimedia Virtual Reality Park, Festival del Cinema di Torino, Film Commission) e quello di là da venire (il Cineporto di corso Brescia; il 'borgo del cinema´ nella zona intorno alla Mole, con alberghi, pub e locali per l´arte e per tutto ciò che è legato al mondo del cinema e delle fiction; la costituzione, forse, di una Fondazione per il Cinema e la costituzione di una sorta di accademia cinematografica...).

Il nuovo corso di laurea, triennale, è stato attivato dalla III Facoltà di Ingegneria del Politecnico in collaborazione con il Museo del Cinema. Partirà a settembre - l´11 aprile, dalle 15 alle 17, la presentazione agli studenti delle superiori, durante la settimana dell´orientamento - e si caratterizzerà per l´integrazione tra ingegneria dell´informazione, cinema, media e new media. La formazione di queste nuove figure professionali coniugherà le competenze ingegneristiche e tecnologiche a quelle della comunicazione, di storia e tecniche del cinema. "Questa iniziativa - ha affermato ieri il rettore Giovanni del Tin alla conferenza stampa di presentazione alla Mole Antonelliana - riveste un carattere di eccellenza e il Politecnico è orgoglioso di poterla avviare e realizzare nella considerazione che essa si colloca in un più ampio scenario di promozione e sviluppo del settore delle tecnologie avanzate che vede Torino in posizione preminente a livello nazionale.

Fra i partner dell´iniziativa, l´Istituto Superiore Mario Boella (che ha già stipulato una convenzione con i due soggetti principali), la Telecom Italia Lab, Euphon, l´Istituto Luce e Multi Media Park. In via di definizione, ancora, l´accordo con la Rai. "La Virtual Reality - spiega il presidente Gianfranco Balbo - dalla quale la società privata Multi Media Park ha da poco preso in gestione le tecnologie, andando quindi ad occuparsi direttamente della produzione - farà in modo di far seguire agli studenti alcuni momenti della produzione, o di far loro effettuare stage o tirocini. Potranno utilizzare le nostre tecnologie e i nostri laboratori 2D e 3D, le workstation per l´elaborazione dell´immagine e del suono. Ma potranno anche avvalersi delle figure professionali che già concorrono, nella nostra sede di corso Lombardia, a formare gli esperti in effetti speciali, in tecnica e controllo della regia, in caracter animation, ecc".

Ad impegnare le cattedre del corso di laurea, a rotazione, ci saranno anche i maestri del cinema italiano e i grandi nomi della televisione, come Francesco Rosi, Franco Zeffirelli, Carlo Lizzani, Ettore Scola, Mario Monicelli, Lina Wertmuller e Bernardo Bertolucci. Uno dei 'temi´ importanti sarà appunto dedicato agli ultimi cinquant´anni di televisione italiana; un altro, quello rivolto alla comunicazione d´impresa.

Tiziana Catenazzo

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.