contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 30 luglio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Cultura, turismo, commercio e sport | Rassegna stampa
 
 
 
 
18.04.2003 - "Con la bici è meglio" Il messaggio di Mao
Cinema, cinema, sempre più cinema. Fra qualche anno i torinesi al posto delle cartoline si manderanno i dvd, lasceranno dei fotogrammi attaccati al frigo, gireranno con una digitale al posto del desueto taccuino. La mania ha dilagato e non c´è più modo di fermarla. Un esempio? La Provincia - intesa come ente - per dire ai cittadini che ci sono mezzi di trasporto più intelligenti dell´auto si è affidata all´occhio del regista Nicola Rondolino (il cui noir ambientato a San Salvario, intitolato 3.6, è imminente). Niente più depliant, manifesti, annunci; o almeno non solo. Ma film. E non un documentario, o un educational, ma fiction vera, un cortometraggio che finirà nelle sale d´essai prima delle prime visioni. L´iniziativa è partita dall´assessorato alle Risorse idriche e atmosferiche, che sta portando avanti una campagna di sensibilizzazione sulla mobilità sostenibile (proprio per evitare l´alternanza di cui sopra).

Sono arrivate un po´ di proposte, e alla fine ha vinto l´Aiace che ha scelto il regista de Le vacanze di Monsieur Désolé. Il quale a sua volta ha scelto un volto noto, che a schermi - più piccoli che grandi - è abituato: Mao. Così in questi giorni sta vedendo la luce Garage Madama, piccola e breve storia d´amore tra un automobilista e una ciclista. Il set si sta spostando in queste ore tra piazzetta IV Marzo, il Monte dei Cappuccini, i Giardini Reali, la collina, piazza Palazzo di Città. «Vogliamo dimostrare - racconta Mao, fuori dal consueto ruolo di intrattenitore-musicista - che con la bici si può fare di più che con la macchina. Nel film sono il classico automobilista indisciplinato, che se ne frega della cintura, dei passi carrai... lei invece è bellissima (è Valeria Solarino, già vista in La felicità non costa niente di Calopresti, ndr)e agilissima con le sue due ruote».

Certo, pare un po´ voler dare la mazzata finale a un settore già provato. «Al contrario - continua Mao, mitigando la rivoluzione - è un messaggio tanto più importante proprio perché arriva da Torino: se a dire che le auto non sono il futuro dei trasporti siamo noi che le abbiamo fatte per tanti anni». «Si vedrà anche tanta città - aggiunge il musicista - abbiamo in qualche modo voluto fare anche una "cartolina", documentare la trasformazione di Torino». La minifiction dovrebbe essere pronta in tempo per debuttare nei festival autunnali, al Sottodiciotto, al Cinemambiente e ovviamente al Torino Film Festival.

Luca Iaccarino

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.