contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 17 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Formazione e ricerca | Rassegna stampa
 
 
 
 
17.12.2002 - La ricerca nuova scommessa
L'Università è pronta a restituire a Torino ciò che la città le ha dato in passato. «Avvertiamo nella nostra regione e nella nostra città ha detto il rettore Rinaldo Bertolino inaugurando ieri l'anno accademico 200203 le drammatiche incertezze di un passaggio di fase repentino: oltre alla solidarietà a chi paga più direttamente i prezzi di questo passaggio, non possiamo sottrarci all'impegno di mettere ancora di più le nostre capacità e risorse al servizio della collettività. In anni non lontani, in condizioni generali meno difficili, abbiamo rivendicato e avuto riconoscimenti da parte della società civile e delle istituzioni di un ruolo attivo dell'Università. Intendiamo ora restituire al meglio ciò che siamo in grado di elaborare, di progettare, di fare». È un grido di speranza quello che lancia Bertolino. Il clima della cerimonia è austero: invece del Regio è stata scelta un'aula della neonata area universitaria di Lungo Dora Siena. Niente rinfresco e, per la prima volta nella storia dell'ateneo torinese, docenti e presidi in «borghese», senza ermellino, toga e tocco. Il governo taglia i fondi e Bertolino, alla testa dei rettori italiani che nei giorni scorsi hanno rassegnato le dimissioni in attesa della Finanziaria, apre l'incontro con una lunga e battagliera relazione. «Il nostro ateneo spiega pur nelle difficoltà economiche, ha assunto la ricerca come il settore da privilegiare. È una scelta politica importante per le prospettive di sviluppo nostre e dell'intero territorio». Con una ricerca di alto livello, si migliora la didattica, si crea più occupazione. Ma perché questo avvenga, è necessario un maggiore coordinamento tra gli enti, il mondo accademico e le imprese: «Per questo ha aggiunto Bertolino è importante che la Regione Piemonte crei una cabina di regia del settore». Poi lancia una frecciata a se stesso e ai colleghi accademici: «Bisogna "svecchiare" l'Università, c'è stata una tendenza in passato a promuovere i docenti più anziani piuttosto che puntare su un gran numero di concorsi per reclutare giovani ricercatori. E invece in molti settori la parte più innovativa della ricerca viene svolta dai docenti più giovani». Bertolino ha poi voluto dedicare «un'attenzione particolare alla facoltà di Medicina così colpita da ombre pesanti che hanno fatto vivere ore e giorni di sofferenza». «L'Università - ha dichiarato- ha cominciato e continuerà un'azione netta per risanare questa ferita». Tra gli ospiti della cerimonia, contestata da un centinaio di studenti e membri del personale tecnico amministrativo fuori dall'edificio, c'erano il sindaco Sergio Chiamparino, la presidente della Provincia Mercedes Bresso e il sottosegretario all'Istruzione Maria Grazia Siliquini. Ha parlato anche Eric Froment, presidente della Eua (European University Association): «Va costruita al più presto un Europa universitaria, punto essenziale per l'avvenire dell'Ue».

MARCO TRABUCCO

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.