contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 21 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Sistema Internazionale | Rassegna stampa
 
 
 
 
20.12.2002 - Nella Finanziaria 250 milioni per le Olimpiadi
La Provincia di Torino e i Comuni sedi di gare o di prove di allenamento dei Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006 possono tirare un sospiro di sollievo. Il ministro degli Affari Esteri, Franco Frattini, ha infatti firmato il decreto di approvazione delle 77 opere definite connesse in base ad un accordo tra Regione, Provincia ed enti locali interessati. Con la firma, il Governo mette sul tavolo 246,443 milioni che insieme ai 102,175 stanziati dalle autonomie locali portano ad un investimento complessivo di 348,619 milioni. «Si tratta di risorse che saranno inserite nella legge Finanziaria 2003», precisa l´assessore regionale allo Sport, Ettore Racchelli. Palazzo Chigi mette a disposizione per le infrastrutture e la viabilità oltre 85 milioni a cui si devono aggiungere i quasi 79 stanziati dagli enti locali. Altri 27 milioni, poi sono destinati alla realizzazione di quelli che tecnicamente vengono chiamati impianti di arroccamento altamente strategici (per intenderci cabinovie o seggiovie quadriposto). Nell´elenco sono comprese anche le attività di riqualificazione nei Comuni olimpici. Si va dalla realizzazione di parcheggi alla costruzione di strutture polivalenti, dalle piste da fondo al servizio di innevamento programmato. In tutto saranno spesi quasi 22 milioni. L´accordo tra gli enti locali prevede anche il finanziamento di azioni di sostegno ai centri sciistici minori (oltre 10 milioni e mezzo) e per lo sviluppo turistico organico dell'area montana (13 milioni). Oltre 25 milioni, infine, serviranno per il potenziamento e la riorganizzazione del sistema sanitario. Gli enti locali contribuiranno con un finanziamento aggiuntivo superiore ai 17 milioni. Quattro i filoni d´azione: potenziamento del servizio regionale di elisoccorso; realizzazione del soccorso medicalizzato terrestre nell´area olimpica; creazione dell´unità spinale di Torino e del centro antidoping. Fra le opere infrastrutturali, da segnalare il via libera al potenziamento dell´aeroporto di Caselle e al raddoppio del collegamento ferroviario fra Torino e Pinerolo. Saranno costruiti anche la variante di Avigliana e riorganizzato il sistema delle acque (fognature, acquedotti e collettori). Adesso la palla passa agli enti locali che dovranno bruciare le tappe per portare a termine la progettazione definitiva e partire con i bandi di gara per gli appalti. I tempi sono stretti: la maggior parte degli interventi infatti è ancora alla fase dello studi di fattibilità, pochissimi sono i progetti preliminari. Toccherà alla cabina di regia verificare la compatibilità tra gli interventi e la tempistica ed eventualmente eliminare gli interventi più in ritardo. Precisa l´assessore: «In ogni caso adesso potranno essere immediatamente affidati gli incarichi e partire con le diverse fasi di progettazione». Racchelli, comunque, è soddisfatto e sottolinea come «l'elenco definitivo approvato dal ministro Frattini rappresenti la vera saldatura fra i Giochi Invernali del 2006 e il territorio che li ospita». Aggiunge: «Il via libera di Frattini permette agli enti locali di essere più sereni». Racchelli ricorda anche come «grazie alle Opere connesse gli interventi per le gare non rischieranno di restare cattedrali nel deserto ma saranno incardinati in un sistema di sviluppo infrastrutturale e di accoglienza». Intanto le associazioni di categoria del settore turistico ricettivo (Federalberghi, Aica e Adat) e Jumbo Grandi Eventi, società del gruppo Alpitour, hanno siglato l´accordo quadro per l´accoglienza delle delegazioni del Cio e dei partecipanti ai giochi negli hotel delle aree interessate dai Giochi Invernali.

Maurizio Tropeano

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.