contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  


 
 
Torino - 26 maggio 2003
 
 
Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Eco dalle città
Calendario
Associazione
 
 
 
home | Formazione e ricerca | Comunicati stampa
 
 
Centro Congressi Unione Industriale di Torino - Sala dei 500
08.03.2002 - VERSO UN SALONE DEI MESTIERI E DELLE PROFESSIONI
8 marzo 2002, ore 9.30

Un convegno pubblico accende i riflettori su più di un milione di persone sul territorio piemontese e del Nord Ovest. Sono i giovani delle scuole medie inferiori e superiori e le loro famiglie, ma anche insegnanti, orientatori, enti locali e i diversi mondi dell'università, della formazione e del lavoro comunque coinvolti nei processi di orientamento al percorso scolastico e poi lavorativo. Per loro si sta costruendo il primo salone dei mestieri e delle professioni di Torino affinché ogni anno, con la collaborazione delle istituzioni e delle associazioni di categoria, migliaia di giovani possano fare un viaggio all'interno di una mostra-laboratorio, dove sarà consentito ai visitatori sperimentare situazioni di lavoro in modo semplice ed interattivo e parlare con altri giovani inseriti nel contesto lavorativo. GLI SCOPI DEL SALONE DEI MESTIERI E DELLE PROFESSIONI L'idea di un salone dei mestieri e delle professioni nasce circa due anni fa nell'ambito del Piano Strategico "Torino Internazionale", all'interno della linea strategica "Promuovere imprenditorialità e occupazione". Negli ultimi dodici mesi si è lavorato per aggregare su questo progetto un largo consenso tra i principali attori del territorio. Si è così pervenuti al sostegno istituzionale ed economico di Regione Piemonte, Provincia di Torino e Città di Torino, e all'impegno di molte associazioni di categoria che si sono rese disponibili a illustrare le eccellenze delle rispettive attività. La Direzione Regionale del MIUR e molte scuole del Piemonte, nell'ottica dell'autonomia scolastica, si sono dichiarate interessate a nuovi e innovativi momenti di riflessione e stimolo sui temi dell'orientamento. Lo scopo del salone è di aprire una finestra sui vari aspetti dell'ambiente di lavoro, di consentire la disamina delle opportunità di inserimento e di reddito attuali e a medio termine e di far sperimentare ai giovani le loro personali attitudini. Il salone dei mestieri e delle professioni di Torino intende dare visibilità al maggior numero di mestieri o professioni dei vari settori rendendo più distinguibili le abilità e le attitudini richieste. Oltre alla mostra laboratorio il lay-out espositivo prevede anche un'area dedicata ad enti, aziende e realtà operative di studio, formative e di servizio a supporto dei vari settori/mestieri. Il salone non sarà soltanto un momento espositivo ma svilupperà la sua attività in sinergia soprattutto con gli enti preposti all'istruzione scolastica e alla formazione professionale e con il mondo del lavoro, anche tra un'edizione e l'altra. Sono infatti previsti forum locali, uno all'anno per ogni provincia piemontese, iniziative ludico-pedagogiche nelle scuole, workshops e più in generale iniziative di animazione con il coinvolgimento dei media. Infine, il salone dei mestieri e delle professioni di Torino pur caratterizzandosi come manifestazione regionale intende guardare alle altre regioni limitrofe del Nord Ovest (soprattutto Liguria e Valle d'Aosta) con le quali intende avviare rapporti di collaborazione e di sinergia. L'ESEMPIO DI LIONE Il salone dei mestieri e delle professioni di Torino guarda al Mondial des Métiers di Lione (www.mondial-metiers.com) analoga manifestazione giunta quest'anno alla sua sesta edizione. Su 14.000 mq l'Eurexpo di Lione presenta 22 aree tematiche, espressioni sia di settori d'eccellenza sia di mestieri più tradizionali. In quattro giorni di apertura conta circa 120.000 visitatori, il 70% giovani tra i 12 e i 17 anni, poi famiglie, lavoratori in cerca di nuova occupazione, insegnanti, aziende ed associazioni di categoria, enti locali e servizi per l'impiego. Innumerevoli le iniziative collaterali. Ogni anno un focus particolare su un tema di forte attualità: quest'anno i lavori pubblici, l'edilizia e la sanità. Di rilievo, anche se non nel periodo espositivo, un'iniziativa che tende a promuovere lo spirito di competizione professionale tra i giovani. Ogni due anni si svolge un torneo mondiale tra giovani studenti chiamato Olimpiadi dei Mestieri che permette di gareggiare in alcuni mestieri scelti preventivamente (circa 40) e di dimostrare, come in una vera Olimpiade, l'abilità di ciascuno. L'ultima edizione si è tenuta a Seul in Corea nel settembre scorso con la partecipazione di circa 2000 giovani in rappresentanza di 35 Paesi. La prossima edizione sarà a San Gallo in Svizzera nel 2003. IL CONVEGNO Nel corso della mattinata si presenteranno le motivazioni che spingono il sistema locale a costruire questa nuova manifestazione: i singoli enti preciseranno quale sarà il proprio impegno, ma soprattutto si potrà confrontare il modello francese con quello torinese. Ecco il programma nel dettaglio: 9.30 Saluto di benvenuto: Andrea Pininfarina, Presidente dell'Unione Industriale di Torino Le attese e le proposte degli imprenditori per lo sviluppo delle risorse umane 9.50 Il ruolo delle Istituzioni nell'iniziativa Tom Dealessandri, Assessore Formazione e Lavoro, Comune di Torino Gianni Oliva, Assessore al Sistema Educativo, Provincia di Torino Gilberto Pichetto Fratin Assessore all'Industria e al Lavoro, Regione Piemonte Daniele Vaccarino, Membro Giunta Camera di Commercio di Torino Maria Grazia Siliquini, Sottosegretario per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca L'impegno del Governo per l'Orientamento Marina Bertiglia, Direttore Regionale MIUR L'evoluzione della scuola ed il processo di orientamento: come la scuola si sta aprendo alle necessità del mondo del lavoro. Paolo Verri, Direttore Associazione Torino Internazionale Come e perché un salone di mestieri e delle professioni 11.20 Relazioni Giorgio Allulli, Dirigente area sistemi formativi Isfol L'obbligo formativo per un nuovo modello di orientamento sul territorio Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unione Italiana delle Camere di Commercio Le professioni più richieste dalle imprese in Piemonte Jacques Vallerant, Direttore del Salone dei mestieri di Lione L'esperienza del Salone dei Mestieri di Lione Rodolfo Zich, Vicepresidente Associazione Torino Internazionale Il ruolo del Salone di mestieri nel Piano strategico della città Info: Raffaella Pavesio, Associazione Torino Internazionale, Via Palazzo di Città 24 011 4423915 - fax 011 4423904 - r.pavesio@torino-internazionale.org

 
 
 ©2002. Tutti i diritti sono riservati.