contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 8 maggio 2006   english   help   contatti   mailing list
 
 
Piano Strategico 2
Tamtam
Editoria
Agenda
Rassegna Stampa
Piano Strategico 1
Piano Strategico 2
 
 
Home | Rassegna stampa
 
 
 
 
14.02.2006 - Torino, il design sale in cattedra
«Design Center» a Mirafiori, sull’area rilevata da Comune, Regione e Provincia. Mentre nelle tre arcate Anni 20 degli ex-Mercati generali, convertiti a villaggio per gli atleti durante le Olimpiadi, dovrebbe trovare posto l’Istituto europeo del design - ora a corto di spazi -, un centro documentazione tematico ed un incubatore di attività produttive. Nel pieno dei Giochi la città guarda avanti, al 2008, l’anno in cui tornerà ancora una volta sotto i riflettori per due eventi con molti punti in comune: il Congresso mondiale degli architetti e le molteplici attività legate al design piemontese, nazionale ed internazionale. Torino sarà infatti capitale mondiale del design. Dopo l’assegnazione della «nomination» a Copenaghen, avvenuta nel mese di ottobre, ieri è stato firmato il protocollo d’intesa fra il sindaco Chiamparino e Peter Zec, presidente di Icsid, l’associazione che raccoglie i principali designers a livello internazionale (studi, imprese, istituti di formazione). Obiettivo: saldare il nome di Torino e del Piemonte con il design, in tutte le sue declinazioni, utilizzando le eccellenze sul territorio come trampolino di lancio verso nuove forme di ricerca e successo internazionale. Non a caso alla conferenza stampa indetta presso il «Media Center» erano presenti due «big» del settore: Giorgetto Giugiaro e Andrea Pininfarina. In prima fila Lorenza Pininfarina, sorella di Andrea, presidente del Gruppo carrozzieri Anfia; il presidente di Torino Wireless Rodolfo Zich; quelli della Provincia, Antonio Saitta, e della Camera di Commercio Alessandro Barberis.

Presenze significative perchè testimoniano la partecipazione di soggetti diversi ad una scommessa che non può prescindere dal coinvolgimento del territorio e delle sue risorse: dal Politecnico, forte dei corsi di disegno industriale e di progetto grafico virtuale, alle aziende più e meno blasonate. Senza dimenticare l’apporto dei giovani designers, impegnati nella difficile ricerca di un terreno sul quale esercitare le loro potenzialità espressive. «Sul modello di quanto è avvenuto per le Olimpiadi e per Torino capitale mondiale del Libro - spiega l’assessore Fiorenzo Alfieri -, sarà mobilitato anche il mondo della cultura. Mostre, spettacoli, rassegne, eventi: tutto dovrà rapportarsi al filo conduttore del design».

Torino e le sue auto, d’accordo, ma anche i distretti industriali piemontesi letti in un contesto più ampio. Il meccanismo, che si è già messo in moto, prevede fra le altre cose la realizzazione di un «Design Center» interattivo ispirato a quelli presenti in alcune grandi capitali europee, a partire da Copenaghen, nel quale il design non si riduca a pura vetrina dei risultati ottenuti ma diventi scuola, occasione di ricerca e sperimentazione continua. Possibilmente con il coinvolgimento del pubblico. Dove? «In un primo tempo - spiega Alfieri -, si era pensato alle ex-fonderie Fiat lungo la Spina3, una fra le aree a più alto tasso di trasformazione urbanistica, poi sono salite le quotazioni di Mirafiori». Qui, previo trasferimento della Facoltà di Ingegneria dell’Automobile, sorgerà uno dei due poli del design. L’altro, come si accennava, è quello che ruota sull’Istituto europeo del Design rialloggiato nel complesso degli ex-Mercati generali. «Quella del 2008 è un’altra sfida che abbiamo deciso di raccogliere», ha detto Chiamparino complimentandosi con il gruppo di lavoro che ha lavorato per ottenere la «nomination». L’ennesima scommessa di una città che, ha ricordato Giugiaro, «lancia continui segnali della sua vitalità». Mentre per Andrea Pininfarina «sono state riconosciute le credenziali che il nostro territorio può vantare nel settore del design».

Ottenuta l’investitura, ora si tratta di definire un percorso di eventi che culmini nella realizzazione del Design Center, epicentro delle varie manifestazioni. Il progetto è affidato ad un Comitato direttivo composto da Comune, Regione, Provincia, Camera di commercio, l’Associazione dei designers italiani, le università. Più le Fondazioni: Crt e Compagnia di Sanpaolo. La partita è appena agli inizi.

.

 
 © Torino Internazionale 2006