contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino - 11 maggio 2006   english   help   contatti   mailing list
 
 
Piano Strategico 2
Tamtam
Editoria
Agenda
Rassegna Stampa
Piano Strategico 1
Piano Strategico 2
 
 
Home | Rassegna stampa
 
 
 
 
19.04.2006 - Il "4" arriva alla Falchera
Da oggi Torino ha un tram che attraversa tutta la città da nord a sud. È la linea «4», che, con l´inaugurazione dell´ultimo tratto di 2 chilometri, da strada delle Cascinette a via delle Querce, consentirà ora di spostarsi da Mirafiori fino alla Falchera, e viceversa, su un solo tram.

«Questa è la linea maggiormente sfruttata con circa 60 mila passeggeri al giorno - dicono alla direzione di Gtt - Sono 18 i chilometri di tracciato percorsi con i moderni tram "Cityway" quasi interamente su sede riservata e protetta e quindi isolata dal traffico privato, con passaggi che nelle ore di punta avvengono ogni quattro minuti». L´ultima parte del prolungamento della «4», il cosiddetto «lotto 3B», è stato il più impegnativo dal punto di vista esecutivo in quanto ha comportato la costruzione di una galleria sotterranea a doppio binario di oltre 700 metri (900 considerando le due rampe a cielo aperto). L´imponente lavoro di scavo si è reso necessario per la viabilità piuttosto complessa esistente ad un certo punto del nuovo percorso in costruzione.

Dall´attuale attestamento, che è situato all´altezza di strada delle Cascinette, la sede tranviaria infatti, con la rampa di accesso su corso Giulio Cesare, si trova ad attraversare in galleria l´incrocio di ben tre corsi - Giulio Cesare, Vercelli e Romania - nonché l´autostrada e la ferrovia Torino-Milano. La linea tramviaria raggiunge così la stazione sotterranea «Stura», mentre con l´altra rampa entra progressivamente nel quartiere Falchera percorrendo circa 1 chilometro su via delle Querce fino al capolinea.

Secondo i programmi studiati dagli esperti di Gtt, la fermata di stazione «Stura», che conta su due banchine lunghe 25 metri l´una e larghe 2 e mezzo, per il momento non sarà ancora utilizzata. Il rinvio dell´utilizzo a regime della linea si è reso necessario perché proseguiranno ancora per qualche tempo, da parte dei vari enti competenti, le delicate operazioni di collaudo necessarie per poter utilizzare gli ascensori.

Il progetto, nell´ottica di alleggerire il traffico cittadino e di ridurre il tasso d´inquinamento dell´aria, ha anche previsto la realizzazione, nella parte interrata del nuovo percorso del tram, di una fermata di scambio intermodale con il parcheggio Gtt-Stura, già aperto al pubblico, nonché con la stazione ferroviaria di Torino Stura. Grazie a queste ultime infrastrutture ed al raddoppio dei binari previsto col completamento del passante ferroviario di Torino, la stazione Stura avrà in futuro sempre più importanza per le maggiori dimensioni previste sul traffico ferroviario. L´investimento totale per la realizzazione del lotto «3B» dell´opera è stato di circa 26 milioni di euro che per il 60 per cento sono stati a carico dello Stato, mentre il restante 40 per cento è stato suddiviso tra il Comune di Torino e la Regione Piemonte.

Paolo Viotti - Andreina Fasano

 
 © Torino Internazionale 2006