contatti english version Associazione Chiamparino.wav
 
Torino Internazionale  
 
 
 
Torino 9 novembre 2005   english   help   contatti   mailing list
 
 
Temi Sistema Internazionale
Governo metropolitano
Formazione e ricerca
Imprenditorialità e occupazione
Cultura,Turismo,Commercio e Sport
Qualità urbana
Tamtam
Editoria
Agenda
Associazione
Piano Strategico 2
 
 
Home | Imprenditorialità e occupazione | Rassegna stampa
 
 
 
 
15.11.2003 - Industria, la ripresa non è ancora partita
Ancora in calo l'indice della produzione industriale piemontese: -1,9% è la flessione registrata nel terzo trimestre 2003 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Si tratta del decimo risultato negativo consecutivo, l'ultimo di una serie iniziata nel secondo trimestre 2001. Questi alcuni dei dati emersi dall'«Indagine congiunturale sull'industria manufatturiera» realizzata da Unioncamere Piemonte e pubblicata sul periodico trimestrale «Piemonte Congiuntura», che sottolineano, ancora una volta, una fase di preoccupante contrazione produttiva. Consola poco che la flessione piemontese sia in linea con quella registrata dall'Istat a livello nazionale (-1,7%) e che i dati registrino alcuni segnali incoraggianti da parte delle esportazioni.

Il settore che ha nuovamente fatto registrare pesanti risultati negativi rimane quello dei mezzi di trasporto (-3% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno) come quello tessile (-5,6%), segnale inequivocabile della crisi in atto, per cui, tra l'altro, non si intravede ancora una possibilità di sviluppo a breve termine. In controtendenza i trend economici dei comparti dei mobili in legno (+6,8%), della carta (+5%) e dell'alimentare (+0,7%). La provincia con il risultato più negativo è quella del Verbano Cusio Ossola (-3,8%), mentre Torino si attesta su una flessione del -1,9%.

Nonostante la perdurante incertezza e la preoccupazione per il pessimo andamento della produzione - che caratterizza anche la congiuntura nazionale e europea - le previsioni e le aspettative degli imprenditori per il prossimo semestre sono cautamente ottimistiche: migliorano, infatti, le prospettive delineate per la produzione industriale, con un'ipotesi di crescita per la domanda interna e estera e una probabile riduzione dei prezzi di vendita. Sembra quasi immutato, invece, il quadro per gli operatori del commercio: rispetto alla precedente rilevazione si confermano negativi sia i dati a consuntivo sull'andamento dei volumi di vendita, sia le previsioni per l'immediato futuro.

.

 
 © Torino Internazionale 2004-2006. Tutti i diritti sono riservati.