Mondo Juve
Asse Tematico Produzione e commercio
Localizzazione Comuni di Nichelino e di Vinovo, area delimitata da strada dello Scarrone – strada del Debouché – strada per Stupinigi – ferrovia Torino/Pinerolo

Livello di maturazione Intermedio
Relazioni strategiche
Comuni Appartiene ad un sistema di elementi diffusi, che produce sinergie di rete a scala metropolitana Valorizza o identifica la vocazione di uno specifico contesto locale, con l'effetto di potenziare il ruolo del comune a livello sovralocale Accresce l'offerta presente nell'area metropolitana, rafforzandone la competitività
Area Metropolitana Poli del divertimento
Grande distribuzione
Strutture ricettive
   
Candiolo   Circonvallazione (Candiolo)
 

Informazioni
Obiettivi
- Trasformare l’area sportiva esistente (galoppatoio di Vinovo) in un insediamento a destinazione Commerciale-Terziario
- Riorganizzare la viabilità esterna all’area


Descrizione
Il progetto ‘Mondo Juve’ prevede la realizzazione di un Centro di allenamento e di un parco commerciale in luogo dell’ippodromo e del campo da golf oggi esistenti, in cui le strutture di tipo commerciale saranno affiancate a strutture turistiche-ricettive e per il tempo libero e lo sport.
L’area interessata, di superficie complessiva pari a 489.544 mq di cui 349.482 mq in comune di Vinovo e 140.062 mq in comune di Nichelino, è suddivisa in due lotti:

Lotto A: superficie di mq 167.385 interamente nel Comune di Vinovo.
E’ prevista la realizzazione del centro di allenamento per le squadre di calcio della Juventus F.C. S.p.A. e di aree a verde e percorsi di allenamento per le stesse. Inoltre su di esso insisteranno le attrezzature, i servizi e l’accoglienza connessi al centro di allenamento, per una SLP pari a mq 6.000.
Risulta in attuazione al PRG vigente.

Lotto B: superficie complessiva di 322.159 mq di cui 140.062 mq nel comune di Nichelino e 182.097 mq in quello di Vinovo.
Unitamente alla realizzazione delle opere previste per questo lotto, nel cui contesto sarà garantita la massima attenzione ai sistemi di smaltimento e deflusso delle acque superficiali, si procederà all’esecuzione di tutti i lavori di viabilità di contorno al lotto stesso.
Gli interventi compresi nel presente lotto risultano in variante agli strumenti urbanistici e sono costituiti dal Parco commerciale con annesse strutture turistiche-ricettive e per il tempo libero e lo sport, oltre ai relativi parcheggi ed impianti di distribuzione carburanti.
Nel Parco (SLP sino a 90.000 mq e superficie di vendita netta di 50.000 mq) è prevista la realizzazione di:
- un Centro Commerciale (SLP 30.048 mq di cui 13.500 mq di superficie di vendita) costituito da un Ipermercato (4.500 mq), da un Grande Magazzino (4.500 mq) e da altri negozi (3.000 mq complessivi);
- un’area per 80 negozi di piccola e media dimensione (superficie di vendita 1.300 mq, SLP 1.600 mq);
- un parcheggio da 5000 posti auto;
- uno spazio per mercanti ambulanti da 80/100 bancarelle;
- una Farmacia;
- quattro vie pedonali che collegano i parcheggi ad altrettante piazze pubbliche a tema (1.Giochi d’acqua e Fontane – 2.Spettacoli viaggianti, Spettacoli di strada e Giostre per i bambini – 3.Tempo libero per gli anziani – 4.Manifestazioni delle Arti, dei Mestieri, delle Tecnologie);
- 10.000 mq per l’attività sportiva (percorsi attrezzati, pattinaggio a rotelle, jogging, ecc);
- un’area ricettiva con ristoranti tipici, drive-in, ristorante per convegni, albergo turistico;
- un’ulteriore area parcheggio di auto e camper, con noleggio biciclette.
In sede di progettazione definitiva, i volumi degli edifici saranno variamente articolati anche su più livelli, con utilizzo di terrazzamenti, attività all’aperto, e avranno corpi di fabbrica di diverse altezze.

Per quanto riguarda le opere infrastrutturali di viabilità esterna, saranno realizzate:
- Strada dello Scarrone: tratto Strada del Debouché-Ferrovia di circa 600 ml e tratto sovraferrovia a due rampe più via di assestamento;
- Strada del Debouché: tratto compreso tra le due rotatorie in progetto di circa 800 ml, tratto compreso tra la seconda rotatoria e lo svincolo Debouché-Ativa di circa 700 ml, rimodellazione dello svincolo di base Debouché di fronte a Ex Viberti, bretelle svincolo Debouché su Ativa;
- rotatoria-Strada dello Scarrone;
- rotatoria d’attestamento SS 23 (Variante);
- complanare che congiunge gli svincoli SATT del Debouché e di Stupinigi;
- rotatoria svincolo Borgaretto;
- bretella di collegamento Ambrogio;
- chiusura del passaggio a livello in Vinovo con costruzione di viabilità automobilistica in sottopasso lungo la SP 143;
- bretella Garino di viabilità pubblica di collegamento della via Torino con strada del Debouché, con sottopasso FF.SS. da destinarsi a viabilità leggera;
- rotatoria bretella Garino su SP 140;
- strada Rottalunga dalla SP 140 alla SP 143 e le rotatorie necessarie.

Soggetti
Juventus F.C. S.p.A. (promotore, finanziatore, gestore)
Comune di Nichelino
Comune di Vinovo
La Regione, le FF.SS., la Provincia e gli altri Enti competenti dovranno provvedere ad attuare il completamento e l’ottimizzazione della rete dei trasporti e della viabilità su strada e su ferro, con priorità per le opere stradali direttamente connesse a questo progetto.


Tempi
Sono previsti 6 mesi circa per la progettazione e 2-3 anni per la realizzazione delle opere da parte di privati.
Nel maggio 2001 è stato elaborato l’Accordo preliminare tra le parti circa l’intervento urbanistico ed edilizio previsto. Esso costituisce la proposta del futuro Accordo di Programma.


Costo dell'intervento / Risorse già disponibili
La Juventus S.p.A. sosterrà:
- 16.526.620,77 Euro per gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria e per la quota parte del costo di costruzione
- 41.316,55 Euro di spese legali e tecniche per ciascun comune
- 1.342.788 Euro al Comune di Nichelino per il rilancio turistico del comune stesso e per il completamento e gli arredi dell’edificio Comunale di Piazza Camandona
- al Comune di Vinovo, di cui favorirà il rilancio dell’immagine, 2.582.285 Euro in quattro anni dall’inizio dei lavori per contribuire alle spese per il restauro del Castello, e 103.290 Euro annuali per cinque anni a favore della Piccola Casa della Divina Provvidenza (Cottolengo)

Conformità con gli strumenti urbanistici e di pianificazione territoriale
E’ in itinere una variante strutturale per rendere compatibile urbanisticamente l’intervento e per prevedere le opere pubbliche di contorno

Situazione della proprietià delle aree destinate ad ospitare gli interventi
Area in proprietà alla Società Juventus F.C. che propone l’intervento, ad eccezione di quelle destinate alle opere pubbliche esterne al lotto oggetto di trasformazione


Data di reperimento dell'informazione: Settembre 2001