PRU (corso Grosseto)
Asse Tematico Riqualificazione urbana e ambientale
Localizzazione L’area interessata è localizzata nella periferia nord-ovest della città di Torino lungo corso Grosseto ed è definita da un tracciato territorialmente molto esteso che contiene al suo interno due quartieri di edilizia popolare oggetto di riqualificazione


Livello di maturazione Avanzato
Relazioni strategiche
Comuni Appartiene ad un sistema di elementi diffusi, che produce sinergie di rete a scala metropolitana Valorizza o identifica la vocazione di uno specifico contesto locale, con l'effetto di potenziare il ruolo del comune a livello sovralocale Accresce l'offerta presente nell'area metropolitana, rafforzandone la competitività
Area Metropolitana Riqualificazione Urbana Integrata
   

Informazioni
Obiettivi
L’obiettivo dell’intervento è la riqualificazione integrata — fisica e sociale — di un ambito territoriale dove il patrimonio abitativo è prevalentemente pubblico, mediante:
- il completamento della dotazione di infrastrutture e attrezzature di interesse sociale;
- il recupero del patrimonio abitativo;
- la partecipazione degli abitanti alla progettazione e gestione degli interventi di trasformazione;
- lo sviluppo di azioni rivolte al supporto dell’imprenditoria locale, la formazione e l’inserimento professionale.


Descrizione
La formazione del Programma è legata alla definizione di un nuovo disegno urbano basato sulla creazione di strutture non residenziali e sull’attribuzione di nuove funzioni alle attrezzature pubbliche.
Il PRU di corso Grosseto coinvolge diverse aree:

Quartiere via Fiesole.
L’ipotesi d’intervento sul quartiere pubblico di via Fiesole, compreso tra corso Grosseto, corso Cincinnato, strada Altessano e via Sansovino, consiste in:
- manutenzione straordinaria sugli edifici ATC (16 edifici a torre e 2 a lama) che prevede la sistemazione delle facciate, degli infissi, degli impianti idrico sanitari (tubazioni), e la messa a norma degli impianti elettrici;
- riqualificazione delle aree di pertinenza degli stessi edifici ATC;
- realizzazione di nuova viabilità interna;
- realizzazione di attrezzature sportive e aggregative;
- riqualificazione degli spazi pubblici;
- trasformazione delle vecchie strutture della scuola del quartiere in un Centro di cultura ludica e in un nucleo di servizi per disabili;
- ristrutturazione interna della Cupola-De-Panis per ospitare spettacoli e incontri pubblici;
- inserimento di attività artigianali.

Quartiere via Sospello.
L’ipotesi d’intervento sul quartiere pubblico di via Sospello, compreso tra via Sospello, via Chiesa della Salute, corso Grosseto e via Bibiana, consiste in:
- manutenzione straordinaria sulle abitazioni ATC che prevede la sistemazione delle facciate (cornicioni, balconi, persiane), degli impianti idrico sanitari (tubazioni), e la realizzazione degli ascensori;
- realizzazione di nuove recinzioni degli spazi comuni degli edifici stessi;
- risistemazione in via Sospello della carreggiata centrale e dei marciapiedi;
- definizione d'uso e ristrutturazione della ex Scuola materna;
- definizione d'uso e ristrutturazione della piscina.

Casino Barolo.
La zona compresa tra corso Grosseto, strada Altessano e strada di Cruento, è caratterizzata da una commistione di aree marginali ancora inedificate, edifici di recente costruzione di piccole dimensioni ad usi diversi e alcuni edifici di impianto rurale; tra questi è da segnalare in particolare il Casino Barolo, un edificio settecentesco di valore ambientale e documentario. All’interno dell’area è prevista la realizzazione di opere edilizie da parte dei soggetti privati per circa 40.000 mq, di cui 26.000 mq a residenza e 14.000 mq ad attività commerciali di servizio, e di opere pubbliche per 30.000 mq divise fra infrastrutture e servizi.

Piazza Manno.
La Città di Torino, con i Settori della Divisione Ambiente e Mobilità coordinati dal Settore Urbanizzazioni, ha previsto la riqualificazione della banchina verde centrale e della piazza compresa fra i due edifici a lama del quartiere ATC e la riorganizzazione complessiva della viabilità e dei parcheggi, con particolare cura per i percorsi pedonali e ciclabili con e verso piazza Manno e verso la restante parte del Corso Cincinnato in direzione del Parco della Pellerina. Tali progetti attuano parte del progetto preliminare predisposto dal Consorzio Intercomunale Torinese in coordinamento con l'Agenzia Territoriale per la Casa, periodicamente presentati e discussi con i cittadini, con la V Circoscrizione, in diverse riunioni e consultazioni pubbliche. Attualmente è in corso di redazione il progetto definitivo.

Piazza Sauro e corso Lombardia.
E’ prevista la risistemazione e la realizzazione di strutture sportive e per il tempo libero.

Ex-Fert.
L'area su cui sorgeva il complesso cinematografico FERT (Fiore - Enrico - Roma - Torino) è compresa tra corso Lombardia, via Forlì e via Foligno e misura 13.000 mq.
Il progetto dell'area Ex FERT è stato elaborato dal CIT (Consorzio Intercomunale Torinese) per incarico del Comune di Torino con la finalità di recuperare un'area industriale dismessa attraverso la creazione di un nuovo centro di ricerca multimediale.
La situazione di grave degrado in cui si trovavano le strutture Ex FERT ha determinato la scelta di demolire gran parte dei volumi esistenti, mantenendo unicamente la palazzina d'angolo fra corso Lombardia e via Terni.
Il complesso, che complessivamente sviluppa una superficie utile di circa 8000 mq, è costituito da una palazzina uffici, un edificio per la scuola ed i laboratori, un teatro grande della superficie di 1500 mq, un edificio oer le attività di servizio alla produzione, un secondo teatro della superficie di circa 600 mq, un edificio polifunzionale (due teatri da 200 mq, falegnameria, ristorante).
La palazzina uffici e l'edificio destinato alla scuola e ai laboratori sono stati messi a disposizione della società Virtual Relaty & Multimedia Park spa dal mese di settembre dell'anno 2000.

Spina Reale.
Il tratto in questione, tra largo Giachino e la strada Lucento, è il primo di quattro che comporranno il percorso alberato ciclo-pedonale cittadino della "Spina Reale".
L'intervento, possibile grazie all'interramento della ferrovia Torino – Ceres, interessa un'area della superficie complessiva di 37.000 mq, distribuita lungo il nuovo viale alberato.Le aree stradali adiacenti al viale sono state riviste e riorganizzate in funzione di parcheggi più razionali e di maggior respiro e piacevolezza per la fruizione pedonale.

Ex CIR.
L’area in cui è collocato l’ex-CIR (tra viale Madonna di Campagna e via Cardinal Massaia) è stata suddivisa in sei zone di intervento dove è previsto il recupero funzionale e patrimoniale dei fabbricati dismessi: la sede della V Circoscrizione; la possibile sede del mercato di Borgo della Vittoria; la sede della Polizia municipale; un centro per la formazione, la ricerca e la sperimentazione, e servizi multilediali; un centro commerciale; edifici a destinazione privata (residenza, uffici e artigianato).
Il centro per la formazione, la ricerca e la sperimentazione, e servizi multilediali, gestito dal Politecnico e dalla società Motorola e denominato Multimedia Training Park, sarà insediato all’ interno dell'edificio industriale su via Madonna di Campagna adeguatamente recuperato.

I giardini Don Gnocchi.
Situati tra via Casteldelfino, via Campiglia e il campo sportivo Michelin, questi giardini sono spesso sede di feste di quartiere.
L’intervento prevede la sistemazione dell'area compresa fra il nuovo parcheggio interrato e la recinzione del campo di calcio, la riqualificazione dell'area verde, il potenziamento dell'area gioco bimbi, l'inserimento di un'area attrezzata per i cani.
La proposta progettuale emersa dalle consultazioni promosse dal piano di accompagnamento sociale è stata verificata positivamente.
E' in corso di redazione il progetto definitivo.

Il PRU è integrato per le azioni non fisiche da un Piano di accompagnamento sociale.


Soggetti
Città di Torino (promotore, finanziatore, realizzatore)Regione Piemonte (finanziatore)ATC (realizzatore)Soggetti privati (finanziatori, realizzatori).


Tempi
Il 12 luglio 1999 è stato siglato il protocollo d'intesa tra Comune e Regione per la realizzazione del PRU di corso Grosseto a Torino.

Via Fiesole:
sono terminati i lavori riguardanti i bagni delle torri e delle lame inseriti inizialmente nel progetto; sono in fase di completamento quei bagni inseriti successivamente negli interventi di manutenzione straordinaria in sostituzione di quelli che nel frattempo l'ATC aveva rifatto come interventi urgenti di manutenzione ordinaria. I lavori sui serramenti e sulle facciate sono ultimati.
Sono state completate anche le seguenti lavorazioni:
- ristrutturazione parziale dei tetti delle torri previsto dalla 1° variante dell'aprile 2001;
- revisione dei corpi delle tettoie con ripristino delle parti in cemento armato e revisione delle tegole di copertura previsti nella 2° variante del marzo 2002.

Via Sospello:
il cantiere del primo lotto è concluso. Sono iniziati i lavori di manutenzione straordinaria del secondo lotto; si tratta in realtà di interventi preliminari volti a poter effettuare i traslochi interni al quartiere necessari per attuare gli interventi di recupero.
I lavori di manutenzione straordinaria e messa a norma di circa 40 alloggi sono iniziati il 2 dicembre 2002.
Sono in fase di progetaazione i lavori per il secondo lotto relativi agli interventi negli alloggi (adeguamento bagni e impianti); il progetto verrà terminato a dicembre 2003 e la gara d'appalto sarà indetta nella primavera 2004.
Il progetto per gli interventi all'interno degli appartamenti sarà approvato entro dicembre 2003 e i lavori inizieranno nell'estate 2004.

Piazza Manno:
è in corso la redazione del progetto definitivo.

Ex Fert:
il centro composto da studi cinematografici e sale di regia è funzionante; la gestione è stata affidata alla società privata Multimedia Park spa. E' in corso l'acquisto di nuovi apparati per il completamento delle apparecchiature tecnologiche.
La consegna dei lavori dell'edificio contenente i due teatri piccoli, il ristorante e i laboratori di falegnameria e verniciatura è stata effettuata a gennaio 2002 mentre l'ultimazione dei lavori è prevista per luglio 2003; il collaudo è previsto per gennaio 2004.
E' in vista un progetto di abbellimento intervenendo sulle parti esterne degli edifici per caratterizzare maggiormente l'area.

Spina Reale:
l'intervento è terminato nel 1998.

Ex Cir:
sono in fase conclusiva i due lotti di opere per insediare la delegazione circoscrizionale dei Vigili Urbani, l'anagrafe e altri servizi della Circoscrizione V.
L'intervento di recupero sull'edificio 5 è terminato ad aprile 2000. La Città di Torino ha stipulato una convenzione con il Politecnico di Torino per la concessione dell'edificio al politecnico medesimo. Il Comune di Torino ha consegnato l'edificio 5 al Politecnico nel mese di luglio 2000; la società Motorola spa e l'incubatore I3P (Incubatore Imprese Innovative Politecnico) si sono insediate nell'edificio nel mese di settembre 2000. Attualmente sono in corso le attività dei due Enti e la fine dei lavori è prevista per settembre-ottobre 2003.

Giardini Don Gnocchi:
è stata ultimata la struttura interrata e la soletta di copertura sulla quale poggerà la pavimentazione dela piazza. Sono in corso di progettazione gli interventi di manutenzione straordinaria e riqualificazione dei giardini. L'appalto per la realizzazione è previsto per fine 2003.





Costo dell'intervento / Risorse già disponibili
Il costo totale è di 165.142.085 euro.Per l’urbanizzazione primaria è previsto lo stanziamento di 17.228.227 euro, per l’urbanizzazione secondaria di 19.452.090 euro, per le opere residenziali di 97.297.380 euro, e per le altre iniziative di 31.164.388 euro.


Conformità con gli strumenti urbanistici e di pianificazione territoriale
Conforme.


Situazione della proprietià delle aree destinate ad ospitare gli interventi
La proprietà delle aree è coerente con la natura delle opere prevista.



Data di reperimento dell'informazione: Luglio 2003