Area Terziaria Aeroporto
Asse Tematico Produzione e commercio
Localizzazione Comune di Caselle, area a ovest dell'aeroporto




Livello di maturazione Iniziale
Relazioni strategiche
Comuni Appartiene ad un sistema di elementi diffusi, che produce sinergie di rete a scala metropolitana Valorizza o identifica la vocazione di uno specifico contesto locale, con l'effetto di potenziare il ruolo del comune a livello sovralocale Accresce l'offerta presente nell'area metropolitana, rafforzandone la competitività
Area Metropolitana Strutture ricettive
Grande distribuzione
  Gronda est
Collegamento Torino-Caselle
Potenziamento aeroporto
Caselle     Potenziamento aeroporto
Gronda est
Collegamento Torino-Caselle

Informazioni
Obiettivi
Creazione di un'Area Terziaria Aeroportuale accessibile attraverso una nuova viabilità provinciale
Sviluppo di sinergie tra la città e l'aeroporto di Caselle







Descrizione
La Variante Generale al P.R.G.C. destina una vasta area (52 ha)per creare l'Area Terziaria Aeroportuale (ATA).

Secondo quanto previsto dalle NTA della Variante al PRG, l'ambito ATA è suddiviso in tre subambiti.
Il subambito A è destinato ad accogliere il nodo di interscambio modale di II livello del trasporto ferroviario locale (stazione ferroviaria e aeroporto) con quello su gomma, oltre a infrastrutture per la sosta e per l'autonoleggio, un albergo internazionale con centro congressi, uffici e attività aventi relazioni funzionali, economiche e commerciali, di ricerca o gestionali con l'aerostazione.
Il subambito B ha una funzione sinergica con il subambito A per lo sviluppo delle attività correlate alla piattaforma aeroportuale e al nodo di interscambio modale: commercio, artigianato, laboratori di ricerca high tech, infrastrutture per l'intrattenimento e il tempo libero, residence e foresteria.
Il subambito C integra la disponibilità di aree dei predetti "Subambiti".

Il Regolamento di Progettazione per ciascun subambito è contenuto in apposite Linee Guida.

Per quanto riguarda invece l'accessibilità all'area, è stato elaborato un protocollo d'intesa (non firmato) tra il Comune di Caselle, il Comune di San Maurizio, il Comune di San Francesco al Campo, Sagat, la Provincia di Torino e la Regione Piemonte per costruire un coordinamento degli interventi previsti. L'intervento principale consiste nella sopraelevazione del tratto interessato dall'area ATA della S.P.2, di un nuovo collegamento viario all'aerostazione e nello spostamento della S.P.13 a ovest dell'area ATA. Questa opera (già prevista dal PTC) permetterebbe da un lato l'accesso all'ambito ATA, liberando spazio per l'area aeroportuale, e dall'altro consentirebbe di definire un tracciato di penetrazione più efficace e meno travagliato alla zona nord, verso il comune di San Maurizio Canavese.









Soggetti
Comune di Caselle (promotore)






Tempi
La Variante Generale è stata adottata in data 19/04/2001 (certificato di pubblicazione 04/05/2001) a seguito del parere favorevole della Regione Piemonte. E' avvenuta inoltre l'approvazione delle linee guida e del cronoprogramma (D.C.C. n.51 del 13/07/01), secondo quanto richiesto dalla Regione Piemonte in vista dell'approvazione della variante al P.R.G.C.







Conformità con gli strumenti urbanistici e di pianificazione territoriale
Conforme alla Variante Generale al P.R.G.C. adottata in data 19/04/2001







Situazione della proprietià delle aree destinate ad ospitare gli interventi
Si tratta in parte di aree private.








Data di reperimento dell'informazione: Settembre 2001